Società 4.0, Cultura digitale e Multimodalità

05_yiran-ding-HKad6IyQucg-unsplash.jpg

Il digitale nella società attuale non si concretizza solo per la presenza di specifici artefatti, ma si incarna in una cultura che a un tempo struttura ed è strutturata da tecnologie, sistemi organizzativi, modelli di conoscenza.

Le caratteristiche di tale cultura sono (1) l’ibridazione tra fisico e virtuale, (2) il non-uno nell’approccio al sapere, ovvero l’interazione di prospettive differenti che dialogano tra loro e realizzano strutture complesse senza ridursi all’identico e (3) la presenza di reti che complessificano il mondo e in cui elemento qualificante non sono i nodi, ma le relazione che si stabiliscono tra gli stessi. In questa direzione si muovono, tra gli altri, approcci post-antropocentrici, post-umani, post-digitali e il terzo-spazio.

In parallelo si sviluppa un passaggio da un modello comunicativo mediale e multimediale, a una modalità ibrida, sintesi tra comunicazione e  azione, definita da alcuni autori multimodale in cui non solo sono presenti differenti media, ma si ha una completa sovrapposizione tra mondo della comunicazione e mondo dell’azione. Tale modalità ha preso corpo, anche per i progressi in ambito neuro-scientifico, che hanno valorizzato la sinergia tra corpo e cervello e l’embodied cognition.

Quanto detto apre e impone nuovi ambiti di ricerca. Come la robotica e l’interfaccia digitale, ovvero la relazione fisica e virtuale con il mondo, modificano i processi di conoscenza? Come i Cyber digital system consentono di ripensare a nuove modellizzazioni delle organizzazioni produttive, al loro interno e con il mondo, e a nuove reti in cui si ibridano processi profit e no-profit fuori da una logica di assistenza, ma verso una logica di valorizzazione della persona?

Quest’ultimo tema richiama anche l’interazione fra processi produttivi e formativi, questi ultimi non più rinchiusi in un mondo separato, ma profondamente innervati nel processo produttivo non solo per l’interazione stretta tra azione e conoscenza, ma per una sempre più forte attenzione (1) ai processi identitari visti a un tempo come personali e professionali, (2) alle competenze e  (3) ai processi di cittadinanza digitale. Questa area di ricerca comprende studi multi-disciplinari ed inter-disciplinari su tali argomenti di assoluta innovatività.

PROGETTI

TICASS: Technologies of Imaging in Communication, Art, and Social Sciences

EduTeach: Continuing Education to Preschool Teachers and Education Directors through Online Trainings

ALHTOUR: Assisted living technologies for the health tourism sector

SIT: Stimulators and Inhibitors of Culture of Trust in Educational Interactions Assisted by Modern Information and Comunication Technology

TAXISTARS: Designing and Developing Flexible Vocational Training for a Mobile Profession

I-TUTOR: Intelligent Tutoring for Life Long Learning

NEST: Network of Staff and Teachers in childcare services

DL@WEB: Enhancing the quality of distance learning at Western Balkan higher education institutions

MUVENATION: Motivating pupils, linking Teachers through active learning with multi users virtual environments

NET.MATE: awarNess raising Through social inclusion Media campaign And communication Training for social stakEholder

NET-TRAINING

QMPP: Quality Management of Peer Production in E-Learning

SMT: Streaming media training

UNIQUE

HEART: HEalth related Activity Recognition system based on IoT –  an interdisciplinary training program for young researchers

DEPIT: Designing for Personalization and Inclusion with Technologies

CARER +: Ageing well in the community and at home: developing digital competences of care workers to improve the quality of life of older people

HOL: History on line

RETI

EUROPORTFOLIO (European Network of ePortfolio Experts and Practitioners)

CENTRI

Centro interdipartimentale di Studi e ricerche per l’innovazione, la digitalizzazione, l’internazionalizzazione e il management (CEIDIM)

Centro di Ricerca su Didattica, disabilità e inclusione e tecnologie educative

Centro di documentazione, ricerca e didattica nel campo delle professioni educative e formative

Centro di documentazione e ricerca sulla storia del libro scolastico e della letteratura per l’infanzia

Photo by Yiran Ding on Unsplash

Ultimo aggiornamento  2020/03/17 11:06:24 GMT+2
Dona il tuo 5 per mille
all’Università di Macerata
Destiniamo le risorse derivanti dal 5 x mille
al potenziamento dei programmi di ricerca
per sostenere i nostri migliori talenti
Come fare Apponi la tua firma nel riquadro
"Finanziamento della ricerca scientifica e della
Università" con questo codice fiscale
00177050432