Home Primo piano L'ESSERE che è, l'ESSERE che accade

L'ESSERE che è, l'ESSERE che accade

Percorsi teoretici in filosofia morale in onore di Francesco Totaro

Il profilo filosofico di Francesco Totaro si propone come l’intreccio fecondo del pensatore contemplativo e dell’intellettuale engagé: impegnato costantemente nella teoresi, l’attività da lui ritenuta la più carica di potenza energetica, e insieme provvisto di sensibilità acuta per le dinamiche della condizione storica dell’umano.

Totaro, pugliese di nascita, si laurea all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1964, e la sua formazione è segnata da fi gure di grande rilievo filosofico come Gustavo Bontadini, Sofia Vanni Rovighi, Virgilio Melchiorre, Emanuele Severino e Carlo Arata. Conduce poi un’intensa carriera di docente universitario, prima a Milano, poi a Venezia e quindi a Macerata, dove ricopre anche a lungo la carica di Prorettore, ed è al fianco del mondo sindacale ed associativo, in particolare di quello attivo nell’ambito del lavoro e della tutela dei lavoratori, dedicando molte delle proprie energie alla formazione di dirigenti e di volontari. Signifi cativo è pure il suo contributo di pensiero a organismi del mondo cattolico milanese (Acli, Commissione «Giustizia e Pace») durante la conduzione pastorale di Carlo Maria Martini. Il suo impegno intellettuale è alimentato da una tensione metafisica unitaria, non disposta alla frammentazione: essa percorre l’opera del pensare e l’ascolto dell’esistere, evitando di decostruire l’interalità della persona e di sovvertire l’ordine sostanziale dei contenuti che ne scaturiscono, capace di attenzione al concreto nelle sue contraddizioni e nelle sue risorse per la fioritura dell’umano.

In anni di intensa attività prendono corpo, in misurato equilibrio, originali rifl essioni sull’essere che è, a partire dall’interrogazione sul fondamento, e sull’essere che accade, con attenzione alla molteplicità di forme e modi secondo i quali l’essere viene a manifestarsi. Totaro si interessa alle strutture antropologiche dell’agire, interrogandosi intorno alla produzione di senso che anima il dinamismo della prassi umana. La curvatura storica, che si confronta proficuamente con i testi di Hegel, di Marx, di Weber, di Scheler, di Gramsci, ed è attenta alla rifl essione di Manheim e di Habermas, è aperta nell’orizzonte dell’Intero – grazie anche a una familiare frequentazione dei classici della tradizione metafi sica – e vibra incessantemente di intenzionalità utopica. A essa si affianca – già in un volume del 1979 – una proposta di defi nizione dell’ideologia, intesa come «universalizzazione indebita dell’interesse particolare», e della «situazione di valore», vista invece come riconoscimento reciproco e paritario. L’investigazione si impegna anche nella prospettiva antropologica di ricerca del paradigma della ‘misura’ che gli consente un confronto serrato e originale con l’opera di Friedrich Nietzsche, declinata in direzione di un’etica della ‘equipotenza’ e valorizzata alla luce di un’idea prospettica di verità. In questa cornice si articolano le sue indagini sulla dimensione del lavoro nell’attuale trasformazione storica e culturale, in cui esso viene a confi gurarsi in forme immateriali e comunicative. Qui si affinano i concetti per l’affondo teoretico nel cuore delle questioni di etica applicata, con specifica attenzione al rapporto tra etica ed economia, tra etica e comunicazione, tra etica e nuove tecnologie. Di grande attualità sono da un lato la più recente attenzione di Totaro alla tematica dell’umano-postumano (nei suoi risvolti ontologici ed etici, anche in ordine all’idea di ‘natura’ e di ‘artifi cio’), dall’altro l’ampia rifl essione teoretica sul rapporto tra universalismo e relativismo, che trova articolazioni nella sfera sociale e politica. Qui spiccano il riferimento al personalismo e la preoccupazione di superare i limiti delle fi losofi e socio-politiche dell’ordine e dell’utile con il primato assegnato alla ‘dignità-di-essere’, grazie anche alle sollecitazioni provenienti dalle più recenti e avvedute versioni del pensiero liberal-democratico contemporaneo.

Molti sono quindi i temi che hanno appassionato, e continuano ad animare, la ricerca di Francesco Totaro. Lungo un percorso sempre stimolato dal confronto, egli ha incontrato studiosi italiani e stranieri con i quali ha potuto discutere con rigore raffi nato e amabile cordialità. In questo volume alcuni di loro sono stati chiamati a proseguire quel dialogo: che rimane ancora aperto e fecondo. Non si è riusciti ad invitare a condividere questo volume tutti coloro che avremmo voluto: avremmo desiderato far partecipare molti altri amici e studiosi che hanno discusso in questi anni con Totaro, molti colleghi di diversi enti di ricerca e di università non soltanto in Italia con cui egli collabora, ma questo avrebbe richiesto la pubblicazione di ben più di un solo volume, e l’esercizio della misura ci ha invece consigliato un limite tanto doveroso quanto sofferto.

In modo diverso, i contributi qui raccolti sono quindi un dialogo che continua: con il paradigma teorico, le articolazioni argomentative e le categorie propositive, le categorie elaborate da Francesco Totaro. Sono stati raggruppati in quattro parti: Etica e ontologia, La fi oritura dell’umano, Etiche speciali, Filosofi e in dialogo. La prima comprende i saggi che si occupano più direttamente delle questioni fondamentali come essere, divenire, verità; nella seconda invece sono centrali tematiche più antropologiche, come il lavoro, l’intenzionalità utopica, la misura; nella terza sono i testi che si occupano di etica e economia, etica e natura, etica e politica, etica e diritto; la quarta comprende i contributi che considerano autori particolari. Come in ogni dialogo fecondo, la consonanza è ricerca comune di una verità in cui ci si dispone, e quindi non prevede solo condivisione ma, in essa, richiede la libertà del pensiero e quindi anche la nota critica, la sollecitazione, la provocazione: il modo vero di rendere omaggio non è ripetere. Lo abbiamo imparato proprio da Francesco Totaro.

Seguendo il suo insegnamento il presente volume, che esce in onore di un pensatore acutamente critico, libero e mai passivo nei confronti delle posizioni mainstream, desidera porsi nel solco di un invito a continuare a pensare nel vero e ad agire nel bene.

INDICE

Saluto del Magnifico Rettore Luigi Lacchè

Bibliografia di Francesco Totaro

Parte I - Ontologia ed etica

CARLO ARATA - Per un colloquio ‘filosofico-metafisico’ con Franco Totaro
GIAN LUIGI BRENA - Verità prospettica e pluralismo
CALOGERO CALTAGIRONE  - L’etica come ‘far accadere’ la positività dell’essere. In dialogo riconoscente con Francesco Totaro
CARLA CANULLO - Su un possibile significato della ‘funzione meta-’
MASSIMO MARASSI - Sulla verità che avviene
MAURIZIO MIGLIORI - Platone e il rispetto della dimensione doxastica e fenomenologica
FRANCESCO ORILIA  - Presentismo e realismo
UMBERTO REGINA - Ripensare l’essere nell’‘inter-esse’ dell’esistente
PIERANGELO SEQUERI - Il lavoro creativo dell’affezione. Pensieri per una de-ontologia del fondamento
EMANUELE SEVERINO - Morte di Dio e eterno ritorno
ANNA-TERESA TYMIENIECKA - Human Development between Imaginative Freedom and Vital Constraints
DANIELA VERDUCCI - La fioritura post-metafisica dell’essere nella teoresi di Francesco Totaro
CARMELO VIGNA - Verità, libertà e responsabilità

Parte II - La fioritura dell’umano

CARLA DANANI - Politica e utopia, in dialogo con Francesco Totaro
FRANCESCO DONADIO - Natura, artificio e persona. L’attualità della sfi da antropologica
ARIANNA FERMANI - Modelli di spiegazione e prassi di edifi cazione della felicità. Aristotele e la fioritura dell’umano
UMBERTO GALIMBERTI - Il soggetto e l’azione
SERGIO LABATE - «L’attività degna degli uomini». Attualità della critica alla società del lavoro
SERGE LATOUCHE - Conjurer l’illimitation et retrouver le sens de la mesure
ROBERTO MANCINI - Il valore umano del lavoro. Una rifl essione a partire dal pensiero di Francesco Totaro
SANDRO MANCINI  - L’etica della persona e il suo respiro utopico. In dialogo con Franco Totaro
VIRGILIO MELCHIORRE  - La regola utopica. Una costante di Francesco Totaro nella lettura della storia
FRANCO MIANO  - Per una visione personalista dell’etica della responsabilità
DONATELLA PAGLIACCI - Dis-posizioni personali. L’eccentricità della persona nell’antropologia filosofica
MARIA LETIZIA PERRI - Vedi alla voce: persona. In dialogo con Francesco Totaro
ALBERTO PIRNI - Corpo e mondo. Intorno all’idea di soggetto possibile nella contemporaneità tecnologica
COSIMO QUARTA  - Famiglia e matrimonio nella tradizione utopica: il medioevo cristiano
MARIO SIGNORE  - Perché il lavoro non è più una festa
WERNER STEGMAIER - Vom Finden des eigenen Maßes. Die Häutungen von Nietzsches Gedicht «Nach neuen Meeren»
LAURA TUNDO FERENTE - Individuo società identità: rilessioni sul ‘Riconoscimento’ 261

Parte III - Etica ed economia, etica e politica, etica e natura, etica e diritto

FRANCESCO BOTTURI  - Bene comune e universale politico
MARCO BUZZONI - Natura e artifi cio nelle scienze sperimentali e in etica
ANTONIO DA RE  - Attività professionale e obiezione di coscienza
ADRIANO FABRIS - Per una nuova confi gurazione delle etiche speciali
VITANTONIO GIOIA - Crescita, crisi economiche, sviluppo umano. Convergenze disattese e soluzioni possibili
BENEDETTA GIOVANOLA  - Giustizia sociale e democrazia: in dialogo con Francesco Totaro
ARNALDO PETTERLINI - Pluralismo dei valori e problema della tolleranza
LUIGI PUNZO - La democrazia come ideologia
FRANCO RIVA - Fare democrazia. Fondamenti della cooperazione
STEFANO SEMPLICI - Il ‘potere’ del bene comune
STEFANO ZAMAGNI - Diseguaglianze e giustizia benevolente

Parte IV - Filosofi e in dialogo

LUIGI ALICI - L’etica nella differenza infinita: la via di Jankélévitch
GUIDO ALLINEY - Velle malum sub ratione mali. Tommaso d’Aquino, Giovanni Duns Scoto e le radici della modernità
PINO CANTILLO  - Esistenza e coscienza assoluta in Karl Jaspers
EMILIO DE DOMINICIS  - Sulla legge naturale come legge di natura in Hobbes
GIOVANNI FERRETTI - Bene e giustizia nel pensiero di Emmanuel Levinas. A confronto con Didier Franck sul tema del «terzo»
PIERGIORGIO GRASSI  - Habermas sulla città postsecolare

L'Essere che è, l'essere che accade. Percorsi teoretici in filosofia morale in onore di Francesco Totaro, a cura di C. Danani, B. Giovanola, M.L. Perri, D. Verducci, Vita e Pensiero, Milano 2014, pp. 433.

inAteneo

InATENEO