Home Report MASTERCLASS "Spaces and Social Practices" a.a. 2017-18

MASTERCLASS "Spaces and Social Practices" a.a. 2017-18

Dal 30 novembre al 3 dicembre 2017 si è tenuta a Monaco la seconda edizione della Masterclass "Spaces and Social Practices", sul tema: Utopia and Heterotopia - Imaginary Spaces in the European History of Religion and Philosophy, anche quest'anno registrando un grande interesse ed un forte entusiasmo da parte dei partecipanti.

L'iniziativa, realizzata anche attraverso una visita commentata alla mostra Does Permanence Matters? Emphemeral Urbanism, all'Architekturmuseum der TU München - Pinakotek der Moderne, si inserisce in un progetto fortemente interdisciplinare coordinato per UniMC dalla prof.ssa Carla DANANI (Filosofia) e per la Ludwig-Maximilian Universität di Monaco dalla prof.ssa Daria PEZZOLI OLGIATI Scienza delle religioni).

Ogni anno viene pubblicato un bando che offre a 10 studenti/esse dell'ateneo maceratese - di qualsiasi corso di laurea - la possibilità di frequentare un intensivo seminario avanzato (in lingua inglese) con altrettanti/e colleghi/e della LMU, guidato da Danani e Pezzoli-Olgiati con la collaborazione di alcuni giovani studiosi (tra cui, anche quest'anno, Valentina Carella e Baldassare Scolari).

I partecipanti UniMC per il 2017-18 sono stati: PierPaolo Alfei, Francesco Bossoletti, Ilaria Compagnucci, Emanuele D'Amario, Sara De Bartolomeo, Chiara Iurlo, Jacopo Morelli, Yuri Settembrini, Niccolò Straccialini e Federica Torresan: studenti quindi iscritti a storia, filosofia, mediazione linguistica.

La masterclass prevede letture, commenti e approfondimenti di testi secondo una dinamica di forte interazione, che mette anche a confronto linguaggi diversi: ad esempio è stato proiettato e discusso il film 12 Monkeys (Terry Gilliams, US 1995).

Il tema viene affrontato anche attraverso note di commento preparate dagli stessi partecipanti: in una feconda moltiplicazione di prospettive disciplinari e percorsi di formazione, e in uno scambio generativo di sollecitazioni, dubbi, nuovi interessi e nuove idee.

Prima dell'avvio dei lavori, quest'anno, è stata organizzata una visita guidata, a cura del bravo Umberto Lodovici, al monumento e al museo dedicati al movimento antinazista Rosa Bianca, collocati proprio nell'imponente atrio di LMU. La storia dei fratelli Scholl e dei loro compagni ha molto emozionato: memoria di un'esperienza concreta della tensione preziosa al "buon luogo che ancora non c'è...".

inAteneo

InATENEO