Avvio sperimentale del Lavoro Agile (Smart Working)

Avvio sperimentale del Lavoro Agile (Smart Working)

2020/03/02 11:32:41.979841 GMT+1

L’Amministrazione, in relazione all’attuale situazione di emergenza sanitaria e quindi alla necessità di limitare spostamenti e rischio contagio, intende cogliere l’opportunità di avviare, in fase sperimentale, alcune prime misure di attuazione della normativa (legge 124 del 2015 art. 14) che prevede forme innovative di esecuzione della prestazione lavorativa a distanza.

Queste misure, proprio perché adottate all’interno dell’attuale emergenza sanitaria, riguarderanno soltanto lavoratori che, presentando particolari situazioni di rischio o di bisogno, potranno chiedere di accedere alla modalità di lavoro da remoto. Seguirà la formalizzazione di una disciplina regolamentare per definire le forme di attuazione dell’istituto a regime sulla base di un lavoro già avviato con il Cug e la delegata prof.ssa Natascia Mattucci.

Le domande presentate saranno comunicate a cura dell’area R.U. alla struttura di appartenenza per la valutazione di sostenibilità organizzativa e la redazione del piano individuale di lavoro contenente la descrizione delle attività, gli obiettivi, le tempistiche di esecuzione e durata. La fascia di reperibilità del personale che lavora presso il proprio domicilio, dovrà corrispondere al profilo orario proprio di ciascun dipendente. Per lo svolgimento della prestazione lavorativa da remoto è richiesto il possesso di propri strumenti informatici, quali PC, telefono e connessione internet.

A beneficio di tutto il restante personale non avente diritto, i Responsabili delle strutture, in accordo con i Responsabili degli uffici, sono chiamati in questa fase emergenziale a utilizzare tutti gli elementi di flessibilità oraria, quali l’utilizzo di ferie residue e il recupero di eccedenze precedentemente accumulate.

Per le comunicazioni di servizio relative all’emergenza sanitari a in atto e alle implicazioni di carattere organizzativo e comportamentale si raccomanda di consultare costantemente il sito appositamente creato e in continuo aggiornamento al link https://www.unimc.it/it/unimc-comunica/news/coronavirus.

Ultimo aggiornamento  2020/03/02 12:32:41 GMT+2
Dona il tuo 5 per mille
all’Università di Macerata
Destiniamo le risorse derivanti dal 5 x mille
al potenziamento dei programmi di ricerca
per sostenere i nostri migliori talenti
Come fare Apponi la tua firma nel riquadro
"Finanziamento della ricerca scientifica e della
Università" con questo codice fiscale
00177050432