Sabato al Lauro Rossi “L’ultima fermata” capolavoro del teatro contemporaneo cinese

Lo spettacolo in due lingue è frutto della collaborazione di Unimc, Istituto Confucio, Liceo Leopardi, Accademia di Belle Arti e Comune con il Laboratorio di teatro sperimentale contemporaneo cinese. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Sabato sera alle 21 al Teatro Lauro Rossi andrà in scena un capolavoro della drammaturgia contemporanea cinese in grado di parlare anche a un pubblico occidentale. “L’ultima fermata” è il titolo della pièce che ha consacrato l’autore, Liu Shugang, emerso negli anni ’80 per le sue sceneggiature teatrali, cinematografiche e televisive. Lo spettacolo è frutto della collaborazione tra Università di Macerata - Dipartimento di Studi Umanistici, Istituto Confucio, Liceo Giacomo Leopardi, Accademia di Belle Arti, Comune di Macerata e il Laboratorio di teatro sperimentale contemporaneo cinese.

Il Laboratorio, unico nel suo genere, guidato dal regista Lorenzo Montanini e dalla professoressa Maria Cristina Pisciotta, ha prodotto più di quindici spettacoli tenuti in due lingue contemporaneamente. Il percorso conduce gli studenti dalla traduzione del testo cinese in italiano fino alle tavole del palcoscenico. Anche in questo caso l’interpretazione nelle due lingue è affidata agli studenti di Unimc e del liceo linguistico Leopardi. Costumi di Federica Centore, disegni di Francesco Felaco, organizzazione di Denise Labbate. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. 

Dichiarato miglior testo teatrale nel 1988, “Un morto che va a visitare i vivi”, questo il titolo originale, si basa su un clamoroso fatto di cronaca. La commedia, a sfondo sociale, racconta le conseguenze dell’assassinio, avvenuto su un autobus sotto lo sguardo distaccato degli altri passeggeri, di Ye Xiaoxiao, eroe nazionale del regime post-maoista. Il morto torna sulla terra per visitare i vivi, confrontarsi con gli indifferenti passeggeri e ricontattare i suoi due migliori amici di infanzia: la donna amata Tang Tiantian e il suo rivale in amore e nel lavoro Liu Feng.

L’opera si snoda attraverso una struttura ad episodi e attraverso l’ingegnoso uso di un coro, folla anonima da cui si distaccano, di volta in volta, i vari personaggi con le loro storie ordinarie, fatte di piccole beghe quotidiane e di meschini interessi.  Nel sorprendente finale l’autore sembra suggerirci che non esistono gli esempi perfetti, ma che il caso gioca un ruolo decisivo nella vita di ognuno di noi, rendendoci di volta in volta eroi o criminali.

Cs n. 049/2019

Ultimo aggiornamento4aprile2019
Dona il tuo 5 per mille
all’Università di Macerata
Destiniamo le risorse derivanti dal 5 x mille
al potenziamento dei programmi di ricerca
per sostenere i nostri migliori talenti
Come fare Apponi la tua firma nel riquadro
"Finanziamento della ricerca scientifica e della
Università" con questo codice fiscale
00177050432