Lo studente oggi, una settimana di approfondimento con ottanta relatori nazionali e internazionali

Dal 21 al 25 ottobre il Dipartimento di Scienze della formazione, beni culturali e turismo propone la terza settimana di eccellenza, questa volta incentrata su “Giovani, studenti e Infiniti Mondi”.

Per cinque giorni, dal 21 al 25 ottobre, Macerata diventa luogo privilegiato di studio e confronto di livello internazionale sui giovani e sugli studenti con quasi 80 relatori tra docenti, ricercatori, dottorati e dottorandi e professionisti provenienti da istituzioni culturali, Università di otto regioni, nonché da Spagna, Malta e California.

I numeri servono giusto a inquadrare le dimensioni della terza edizione della Settimana di Eccellenza organizzata dal Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo dell’Università di Macerata nell’ambito del progetto ministeriale “3I4U. Innovazione, Internazionalizzazione, Inclusione per l’Università” e dedicata al tema “Giovani, Studenti e Infiniti Mondi”. Molti gli eventi e gli ospiti nazionali e internazionali in calendario per una ricca settimana di seminari, laboratori ed esperienze didattiche, destinati anche, ma non solo, agli studenti, ai dottorandi di ricerca del corso in “Formazione, patrimonio culturale e territori” coordinato da Anna Ascenzi e ai dottorandi afferenti ad altri corsi. Il programma è stato presentato oggi dal rettore Francesco Adornato e dagli organizzatori, il decano del Dipartimento Michele Corsi insieme ai docenti Massimiliano Stramaglia e Alessandra Fermani.

Al centro delle iniziative proposte ci sono lo studente e la realtà giovanile: a quale categoria di “studente” si rivolge l’Università, oggi, a partire dalle differenti conoscenze disciplinari? Ci si interrogherà sui cambiamenti generazionali, sui nuovi modi di “essere giovani”, sulle forme inedite di apprendimento (disturbi specifici ecc.), sulla necessità di rispondere ai bisogni territoriali senza perdere di vista le componenti decentrate e delocalizzate dei saperi. Una kermesse culturale, aperta alla più ampia cittadinanza, con i patrocini del Comune di Macerata e dei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi.

Il Comitato Organizzativo, co-diretto da Michele Corsi e Massimiliano Stramaglia e composto da Simone Betti, Alessio Cavicchi, Rosita Deluigi, Patrizia Dragoni, Alessandra Fermani, Catia Giaconi e Sabina Pavone propone un primo incontro dedicato al rapporto fra “Interdisciplinarità e internazionalizzazione” con la partecipazione di Mario Valle; un seminario su: “La tesi di laurea e la cultura giovanile contemporanea”; un’ulteriore sezione dedicata al rapporto fra “Innovazione, sviluppo territoriale e internazionalizzazione”; un Convegno Internazionale che prevede la presenza di personalità del calibro di Sergio Salvatore, Elena Marta, Mirco Carrattieri, Daniel de Torres de Barcelona e Colin Johnson. Nell’ambito del Convegno Internazionale sono contemplate cinque sessioni di discussione, con ulteriori ospiti nazionali e internazionali, su questioni di grande attualità: identità e pregiudizio; futuro e sostenibilità; i giovani, gli studenti e l’interpretazione del passato: l’esperienza della public history; cultura, giovani e studenti; giovani e territorio.

Al termine del convegno, si terrà la presentazione del volume, a cura di Massimiliano Stramaglia: “Pop cultures. Sconfinamenti alterdisciplinari”, edito da Pensa Multimedia, con ospiti del rango di Adrian-Mario Gellel, Patrizia Calefato, Tommaso Ariemma, Mauro Labellarte (Labilia) e gli intermezzi teatrali della Compagnia locale “Calabresi Te.Ma. Riuniti”.

La Settimana di Eccellenza prosegue con due laboratori di alta specializzazione: il primo, organizzato da Patrizia Dragoni in ricordo di Massimo Montella, dal titolo: “Gli Infiniti Mondi raccontati dagli ex studenti”; il secondo, diretto da Massimiliano Stramaglia, dedicato ai temi dell’alfabetizzazione simbolica dei giovani e della mass-moda.

A chiudere la carrellata di eventi, un laboratorio dal titolo: “Emozioni in scena. Stimolare l’intelligenza emotiva attraverso il teatro”, con Mina Sehdev, Carla Canestrari e Ilaria Riccioni. E, per non finire, una “mostra” online, a cura degli studenti, sulla relazione fra “Arte e obiettivi dello sviluppo sostenibile” con la supervisione di Gianluigi Corinto.

UN DIPARTIMENTO DI ECCELLENZA

Nel 2018 il Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo dell’Università di Macerata è stato selezionato tra i 180 Dipartimenti di eccellenza dal MIUR: si è classificato al quarto posto tra i 13 ammessi al prestigioso finanziamento di quelli facenti capo all’area 11 delle “Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche”.

In particolare, è stato l’unico “progetto” premiato in Italia con esplicito riferimento all’ambito pedagogico – dalla pedagogia generale e sociale alla storia della pedagogia e dell’educazione, dalla didattica generale alla pedagogia speciale e a quella sperimentale – confermando gli ottimi piazzamenti sinora conseguiti nella valutazione della qualità della ricerca e nei bandi competitivi, nazionali e internazionali.

Il progetto, che ha come suo “focus” specifico le tre parole-chiave: Innovazione, Internazionalizzazione e Inclusione per l’Università, intende mettere ulteriormente a sistema la didattica con la ricerca, che è la “mission” fondamentale dei dipartimenti, innovando e modernizzando ancor di più i processi d’insegnamento-apprendimento in prospettiva nondimeno internazionale.

Cs n.153/2019

Ultimo aggiornamento  2019/10/22 11:44:45 GMT+1
Dona il tuo 5 per mille
all’Università di Macerata
Destiniamo le risorse derivanti dal 5 x mille
al potenziamento dei programmi di ricerca
per sostenere i nostri migliori talenti
Come fare Apponi la tua firma nel riquadro
"Finanziamento della ricerca scientifica e della
Università" con questo codice fiscale
00177050432