Lingue
Mediazione linguistica

UNA LUNGA TRADIZIONE
L’Università di Macerata, fondata nel 1290, è la più antica delle Marche. Per le proprie vicende storiche, confermate negli ultimi decenni da chiare scelte di programmazione, l’Ateneo di Macerata svolge, nel quadro delle Università italiane, un ruolo assolutamente singolare. Le sue Facoltà, i suoi Dipartimenti e Istituti, le sue Scuole costituiscono un insieme omogeneo, prevalentemente umanistico.
Da questa particolare caratterizzazione nasce un profondo senso di appartenenza grazie al quale studenti e docenti possono trovare quotidianamente, durante il corso dei loro studi, comuni interessi e motivi di dialogo e, dopo la laurea, ampie possibilità di occupazione per la flessibilità e la crescente varietà di sbocchi professionali che a questo tipo di formazione viene oggi riconosciuta.

L'AMBIENTE DI STUDIO
Da più di quaranta anni è attiva nell’Università di Macerata una Facoltà di Lettere e Filosofia che si è gradualmente arricchita di corsi e che oggi comprende il maggior numero di docenti dell’intero Ateneo.
Particolare attenzione è stata costantemente dedicata agli scambi di studenti con Università estere.
La Facoltà ha fra i suoi obiettivi principali quello di qualificare il profilo formativo degli studenti e dei laureati per adeguarlo non solo agli sbocchi professionali tradizionali, come l’insegnamento, ma anche alle esigenze emergenti nel mercato del lavoro. Particolare rilievo viene attribuito in tutti i corsi all’insegnamento delle lingue e dell’informatica.
La didattica è organizzata in modo da concentrare l’impegno dello studente in aula e nei laboratori garantendo gli spazi anche temporali necessari per un proficuo studio individuale.
La possibilità di usufruire di una didattica efficace e di vivere in una città universitaria a misura d’uomo consente a un numero sempre maggiore di studenti di conseguire la laurea con soddisfazione nei tempi previsti.

I Corsi di laurea dell’area linguistica si svolgono per la loro maggior parte a Macerata nello spazio di quello che si può definire un campus urbano, in cui le aule e i laboratori da un lato, e dall’altro i Dipartimenti e gli Istituti, con le loro biblioteche, si raccolgono separati da brevi distanze insieme con i servizi come la mensa, la segreteria studenti e gli altri uffici più a diretto contatto con l’utenza studentesca. Antichi e nobili palazzi ristrutturati per le nuove destinazioni sono la sede di gran parte dell’attività di studio, scandita da un tempo a cui la storia dà la sua particolare dimensione.
Il corso di laurea in Discipline della mediazione linguistica si svolge nella nuova e funzionale sede di Civitanova Marche. Il Corso di laurea specialistica/ magistrale in Lingue straniere per la comunicazione internazionale, corrispondente al triennale ora menzionato, è invece attivo nella sede di Macerata.

PERCHE' STUDIARE MATERIE LINGUISTICHE
Sia nella tradizione culturale dell’Occidente, sia in tradizioni culturali diverse da questa ci si è interessati, fin da epoche spesso assai antiche, ai rapporti dell'uomo col mondo esterno, con gli altri uomini e con se stesso. In ogni ambiente culturale e in ogni epoca tali problemi sono stati affrontati e si continuano a affrontare con diverse accentuazioni e da diverse angolazioni.
In tale contesto la conoscenza delle lingue e delle letterature, classiche e moderne, consente di acquisire preziosi strumenti non solo per migliorare l'uso filologicamente consapevole della nostra lingua o di lingue straniere, ma anche per penetrare all'interno delle diverse tradizioni culturali e artistiche, e quindi nella civiltà dei singoli popoli.

COSA SI STUDIA NELL'AREA LINGUISTICA
Le caratteristiche peculiari dell’area offrono una solida formazione di base, metodologica, storica e applicativa, sia negli studi linguistici che in quelli letterari. Questa preparazione fornisce agli studenti l’impostazione umanistica necessaria per chi voglia entrare nel processo di produzione e trasmissione del sapere, ma costituisce nel contempo una preziosa risorsa, in termini di flessibilità cognitiva e sviluppo di attitudini professionali.
Lo studente che decida di intraprendere i propri studi in questa area può scegliere fra due gruppi di percorsi didattici:

  • Classe 11 - Lingue e culture moderne
    • Corso di laurea in Lingue, letterature e culture straniere
    • Corso di laurea in Lingue e civiltà dell'Eurasia
  • Classe 3 - Scienze della mediazione linguistica
    • Corso di laurea in Discipline della mediazione linguistica (Lingue per il commercio estero)

Completato il corso di laurea triennale prescelto sarà possibile acquisire nella medesima Facoltà ulteriori competenze e professionalità attraverso corrispondenti lauree specialistiche/magistrali:

  • Classe 42/S - Lingue e letterature moderne euroamericane
    • Corso di laurea magistrale in Lingue e letterature moderne euroamericane
  • Classe 43/S - Lingue straniere per la comunicazione internazionale
    • Corso di laurea magistrale in Lingue straniere per la comunicazione internazionale
Corsi di laurea triennali
Classe 11- LINGUE E CULTURE MODERNE

corso di laurea triennale in
Lingue, letterature e culture straniere
Il Corso di laurea in Lingue, letterature e culture straniere intende fornire le competenze linguistiche, le conoscenze letterarie e del patrimonio storico-culturale delle civiltà di cui le lingue straniere sono espressione, nonché una globale capacità di analisi del fatto linguistico, fondamentali per l’impiego professionale nei settori dei servizi culturali, amministrativi e sociali, dell’editoria e dell’intermediazione tra le lingue e le culture.
Il Corso di laurea comprende 3 curricula:

lingue e scienza della letteratura
lingue e culture per l’editoria
lingua e scienza del linguaggio teorica, storica e applicativa.

_ Il curriculum lingue e scienza della letteratura
si propone come obiettivo la formazione di una figura professionale esperta nelle scienze della letteratura, nell’analisi e nella critica testuale, nella cultura letteraria, nonché nella decodificazione dei linguaggi artistici, in grado di operare come consulente/assistente nei settori della intermediazione culturale.

_ Il curriculum lingue e culture per l’editoria
si propone come obiettivo la formazione di una figura professionale esperta
in traduzione letteraria, nonché nei processi di editing e di elaborazione anche multimediale di testi.

_ Il curriculum lingua e scienza del linguaggio teorica, storica e applicativa
si propone come obiettivo la formazione di una figura professionale in grado
di analizzare i fenomeni linguistici nei loro aspetti teorici, storici, filologici e applicativi nei campi dell’insegnamento, della consulenza/assistenza in ambito forense e nell’attività paramedica.

I principali profili professionali:

insegnanti nella scuola secondaria inferiore e superiore, secondo la legislazione in itinere per l'accesso all'insegnamento;
operatori culturali sul territorio, con specifica competenza linguistico-culturale (centri e istituzioni culturali, archivi, biblioteche, musei, centri di servizi multimediali, enti di promozione del turismo culturale e della intermediazione tra le culture);
consulenti linguistico-culturali in ambiti di comunicazione di massa e/o multimediali con particolare riferimento all’editoria (redazioni di giornali e riviste, radio, televisione, rete informatica);
consulenti linguistico-culturali in istituzioni internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari;
assistenti/periti linguistici (scuole italiane per studenti stranieri ed emigranti di ritorno; scuole e istituzioni culturali nel campo dell’insegnamento e della diffusione dell’italiano all’estero; centri e servizi sociali operanti in contesti multiculturali; centri medici e paramedici di logopedia, di rieducazione alla parola, di neurolinguistica; tribunali).

L’articolazione dei curricula prevede un primo anno comune, al termine del quale vengono proposti percorsi differenziati e specifici.

È prevista la prosecuzione del triennio nel biennio specialistico/magistrale in: Lingue e letterature moderne euroamericane (Classe 42/S)

Piani degli studi
_ Nuovo ordinamento - 2006-07
_ Vecchio ordinamento

Corso di laurea triennale in
Lingue e civiltà dell’Eurasia

Il Corso di laurea in Lingue e civiltà dell’Eurasia intende fornire le competenze linguistiche e le conoscenze del patrimonio letterario e culturale, di cui le lingue sono espressione, con riguardo a quattro ambiti a scelta dello studente nell’area che comprende l’Europa orientale e l’Asia: le lingue impartite per tali ambiti sono il russo, l’arabo, il cinese e la hindi (quest’ultima con un’annualità iniziale di sanscrito).

Il corso comprende due curricula: un curriculum orientalistico (“A”) e un curriculum Oriente -Occidente (“B”): nel primo è prevista l’acquisizione delle lingue relative a due degli ambiti sopra menzionati e, per due annualità, di una lingua dell’Unione Europea; nel secondo si uniscono un percorso orientalistico uguale ad uno dei percorsi offerti nel curriculum “A” e uno occidentalistico analogo ai percorsi presenti nel Corso di laurea in Lingue, letterature e culture straniere (Europa occidentale e America).

L’istituzione del corso, attivato per la prima volta nell’anno accademico 2004/2005, riflette la consapevolezza del carattere decisivo che riveste nella fase attuale della storia dell’umanità l’incontro tra Oriente ed Occidente inteso come conoscenza delle ragioni profonde delle rispettive civiltà, a sua volta presupposto per lo sviluppo dei rapporti culturali, politici ed economici.
La laurea triennale in Lingue e civiltà dell’Eurasia indirizza perciò verso i seguenti sbocchi professionali:

a. insegnanti nella scuola secondaria inferiore e superiore, secondo la normativa vigente;
b. operatori nei servizi culturali, del giornalismo, dell’editoria, nelle istituzioni culturali, in imprese e attività commerciali;
c. consulenti linguistico-culturali nelle rappresentanze diplomatiche e consolari, nel turismo e in generale in attività di intermediazione tra Europa ed Asia;
d. figure professionali che operino in contesti multietnici e multiculturali, anche nell’ambito scolastico.

La prova finale è sostenuta mediante un elaborato scritto (“tesina”), con il quale lo studente dimostri di saper affrontare con gli adeguati strumenti metodologici e bibliografici un argomento pertinente agli ambiti linguistici e culturali riferiti alle lingue prescelte; tale elaborato è discusso da una commissione nominata secondo i regolamenti vigenti.

Al compimento degli studi , con l’acquisizione dei 180 crediti complessivi previsti , è conseguita la laurea triennale in Lingue e civiltà dell’Eurasia (Classe 11).

I laureati nel curriculum B” possono proseguire gli studi nel biennio magistrale in Lingue e letterature moderne euroamericane (Classe 42/S), che comporta l’acquisizione di ulteriori 120 crediti.

Piani degli studi
_ Nuovo ordinamento - 2006-07
_ Vecchio ordinamento 2004-05

Classe 3 - SCIENZE DELLA MEDIAZIONE LINGUISTICA

corso di laurea triennale in
Discipline della mediazione linguistica
(lingue per il commercio estero)

sede di Civitanova Marche

Il Corso di laurea in Discipline della mediazione linguistica (Lingue per il commercio estero) intende formare laureati in possesso di una solida competenza orale e scritta in tre lingue estere, in particolare nei settori specialistici del commercio estero, dell’interpretazione aziendale e delle dinamiche interlinguistiche. Una solida conoscenza di base degli aspetti legislativi ed economici sottesi al commercio internazionale garantisce la formazione professionale di un operatore in grado di muoversi con sicurezza nell’ intermediazione. Viene anche assicurato il possesso dei principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti di specifica competenza.

I principali profili professionali:

traduttori di linguaggi specialistici per le imprese;
responsabili dei rapporti internazionali delle aziende;
promotori di attività turistiche.
Corsi di laurea magistrali
Classe 42/S - Lingue e letterature moderne euroamericane

corso di laurea magistrale in
Lingue e letterature moderne euroamericane

Il Corso di laurea specialistica/magistrale in Lingue e letterature moderne euroamericane si propone di fornire:

conoscenze avanzate di analisi, interpretazione e critica dei testi e dei codici letterari nella loro relazione con gli altri codici artistici, nonché una solida formazione teorico-letteraria;
conoscenze approfondite della storia della letteratura e della cultura delle civiltà euroamericane nelle sue differenti dimensioni, compresa quella di genere;
conoscenze approfondite di teoria linguistica e di linguistica storica e applicata;
possesso di una delle principali lingue di comunicazione euroamericane;
abilità di traduzione dei testi letterari e critici;
conoscenze in campo informatico con particolare riferimento all’ambito della ricerca letteraria, degli ipertesti e della multimedialità.

Il Corso di laurea comprende due curricula:

Lingue e letterature moderne euroamericane;
Lingue moderne e linguistica.

I principali profili professionali:

l’insegnamento nella scuola secondaria inferiore e superiore, secondo la legislazione in itinere per l’accesso all’insegnamento;
funzioni di elevata responsabilità negli istituti di cooperazione internazionale, culturale ed economica, e nelle istituzioni culturali italiane all’estero;
esperti nei settori economici a vocazione internazionale;
traduttori di testi letterari, critici e teorici;
operatori culturali nell’editoria a stampa e multimediale e nei settori delle comunicazioni interculturali.
Classe 43/S - LINGUE STRANIERE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE

corso di laurea magistrale in
Lingue straniere per la comunicazione internazionale
Il Corso di laurea specialistica/magistrale in Lingue straniere per la comunicazione internazionale intende, come proprio obiettivo, fornire:

un’elevata competenza in almeno due delle lingue di comunicazione internazionale;
specifiche abilità nel campo della traduzione per la comunicazione internazionale, della traduzione multimediale e consecutiva, dell’interpretazione di trattativa;
conoscenze approfondite relativamente alla lingua letteraria e alla terminologia dei linguaggi settoriali;
particolari conoscenze e abilità nel settore della linguistica e della linguistica computazionale;
particolari abilità nell’utilizzazione di ausili informatici e telematici;
conoscenze delle tematiche culturali, storiche, economiche e sociali delle aree geografiche connesse alle lingue prescelte;
una solida conoscenza delle discipline di base nell’ambito delle scienze sociali e di quelle economiche e giuridiche.

Principali profili professionali:

esperti nel campo della traduzione per la comunicazione internazionale, della traduzione multimediale e consecutiva, della interpretazione di trattativa;
operatori con particolari funzioni di elevata responsabilità nell’ambito delle relazioni presso aziende italiane, la pubblica amministrazione, le strutture di volontariato, gli enti locali, le strutture turistiche;
esperti nella direzione di organizzazioni internazionali, di settori della cooperazione e degli aiuti allo sviluppo;
esperti per le attività di supporto negli enti e nelle istituzioni implicate con i fenomeni dell’integrazione economica, sociale e culturale.

Per l’accesso alla laurea specialistica/ magistrale si richiede la Laurea in Discipline della Mediazione linguistica o in Classi di Laurea triennali affini previa valutazione degli eventuali debiti formativi.

Nell’anno accademico 2006-07 entra in vigore il nuovo ordinamento didattico da ritenersi valido per tutti gli studenti del primo e del secondo anno.

Piano degli studi

MACERATA E IL SUO TERRITORIO
La provincia di Macerata è posta al centro della regione Marche, tra il mare e i monti.
Dalle spiagge dell’Adriatico si sale, in meno di un’ora, per le due principali vallate dei fiumi Chienti e Potenza e attraverso dolci colline, ai monti dell’Appennino e al Parco Nazionale dei Monti Sibillini.
La provincia di Macerata è al secondo posto tra le province d’Italia per qualità dell’aria e dell’acqua, per minore rumorosità e per verde urbano. La provincia di Macerata si caratterizza per un tasso d’occupazione e di produttività diffusa di piccole e medie imprese di gran lunga superiore alla media nazionale. Oggi molte aziende della provincia di Macerata sono leader a livello internazionale in vari settori: dalla calzatura all’elettronica, dall’illuminotecnica ai prodotti alimentari, dall’arredamento ai giocattoli, alla pelletteria.
La provincia di Macerata è inoltre particolarmente interessante dal punto di vista artistico e monumentale avendo conservato pressoché intatti i propri centri storici e il proprio ingente patrimonio architettonico eccezionalmente ricco di teatri e opere d’arte.

Il territorio

CIVITANOVA E IL SUO TERRITORIO
Civitanova Marche è uno dei più noti centri turistici dell’Adriatico e un fiorente centro industriale dotato di un nodo ferroviario importante per le comunicazioni tra Nord e Sud della penisola. La città dedica grande attenzione alle attività culturali.
La sede universitaria è ubicata nell’ampio e funzionale complesso “Stella Maris”, a pochi passi dalla stazione ferroviaria.

Civitanova Marche

Centro Orientamento e Tutorato
Viale Piave, 42 - 62100 Macerata
T 0733-258.6005

e-mail: orientamento@unimc.it

Facoltà di lettere e filosofia - Presidenza
Via Morbiducci, 40 - 62100 Macerata
T 0733 2584115
F 0733 2584117
presidenzalettere@unimc.it

Area del Diritto allo studio
Segreteria studenti
Viale Piave, 42 - 62100 Macerata
Call center: T 0733 2582000
Numero verde: 800224071
e-mail:
ss.studenti@unimc.it

Sportello dello studente (Civitanova M.)
Corso G. Garibaldi, 115/a - 62012 Civitanova Marche
T 0733 829595
F 0733 782164
segr.civitanova@nimc.it
http://mediazione.unimc.it