Dall'emergenza alla progettazione della ricostruzione

con quante scuole con quali scuole

Dettagli dell'evento

Quando

17/06/2017 ore 09:45

Dove

Caldarola - Tensostruttura

Aggiungi l'evento al calendario

A partire dall’incontro “Recuperare il valore del territorio dopo il sisma” tenutosi il 26 gennaio all’Università di Macerata, il gruppo di lavoro formatosi dai partecipanti al tavolo ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE, EDUCAZIONE E FORMAZIONE ha continuato la collaborazione dato vita a numerose altre iniziative. La prossima sarà a Caldarola, il 17 giugno 2017 per fare il punto sulla ricostruzione scolastica nel territorio del maceratese ed elaborare delle linee guida per le future scuole: è questo l’obiettivo di “Con quante scuole, con quali scuole: dall'emergenza alla progettazione della ricostruzione”, iniziativa organizzata da ActionAid Italia, Cittadinanzattiva, l’Università di Macerata – UNIMC e l’Istituto Storico di Macerata presso la Tensostruttura.

La giornata, che si aprirà con i saluti del Sindaco di Caldarola Luca Maria Giuseppetti, proseguirà con diversi interventi da parte di esponenti istituzionali e del mondo della scuola, comitati e associazioni di cittadini: da Cesare Spuri, Direttore dell'Ufficio Speciale per la Ricostruzione post sisma 2016 all’On. Irene Manzi, Segretario Commissione permanente VII Cultura - Camera dei Deputati; da Manuela Manenti della Regione Emilia Romagna a Silvia Napoli del Comitato Tecnico Aree Interne; da Massimo Sargolini, Professore Ordinario Urbanistica dell’UNICAM a Stefania Monteverde, Assessore alla scuola e alla cultura del Comune di Macerata; da Silvia Spinaci, Responsabile CISL Macerata a Giorgio Gentili - Dirigente scolastico di Pieve Torina, con una rappresentanza del Comitato dei genitori  “La scuola che vorrei nella valle del Fiastra”.

Dopo il pranzo, verranno realizzati dei tavoli tematici per l’elaborazione di linee guida per le future scuole, che saranno poi condivise fra i partecipanti nella sessione conclusiva. Il processo di ricostruzione scolastica delle scuole nel maceratese colpite dal sismi di agosto e ottobre 2016, è particolarmente delicato: infatti, se da un lato si avverte il bisogno di una ricostruzione rapida, dall’altra è necessario che la progettazione delle nuove strutture scolastiche sia condivisa e coinvolga in tutte le diverse fasi le comunità coinvolte, gli operatori della scuola, i decisori politici e gli esperti del territorio. Inoltre, il gran numero di progetti di ricostruzione scolastica, finanziati e diretti nei singoli comuni da enti e associazioni private, potrebbe portare alla realizzazione di interventi sconnessi fra loro. Proprio per evitare questa frammentazione  si è pensato di elaborare delle linee guida che costituiscano una base comune per tutti gli interventi di ricostruzione scolastica che saranno realizzati, in modo da rendere tutte che le future scuole sicure, innovative e creative e aperte all’intera comunità.

Collaborano alla realizzazione dell’iniziativa: Save the Children Onlus, l’associazione ONDATA e Cronache Maceratesi.

Locandina

Questa pagina è stata aggiornata il 14/06/2017