Unimc, nuova collaborazione con la Cina

25/11/2016. La prestigiosa Accademia nazionale di amministrazione di Pechino ha scelto l’ateneo maceratese come proprio punto di riferimento in Italia.
Foto di gruppo

Foto di gruppo

Nell’ambito dei sempre più numerosi rapporti tra l’Università di Macerata e la Cina, la prestigiosa Accademia nazionale di amministrazione di Pechino ha scelto l’ateneo maceratese come proprio punto di riferimento in Italia.

Una delegazione guidata dal vice presidente Wang Minzhong ha incontrato questa mattina la direttrice del China Center Francesca Spigarelli in rappresentanza del rettore, i direttori dell’Istituto Confucio Giorgio Trentin e Yan ChunYou e il professor Luigi Lacchè, che sarà nominato presidente dell’Istituto Confucio nei prossimi giorni. I partner cinesi hanno richiesto una collaborazione fattiva, concreta e continua in molti ambiti, in particolare relativamente allo scambio di studiosi e alla partecipazione in programmi master relativi, soprattutto ai campi della giurisprudenza, delle scienze politiche e dell’amministrazione pubblica. Nel corso della riunione si è parlato anche del progetto “Villa Lauri” con cui Unimc mira a trasformare lo storico edificio nella sede di un grande centro per i rapporti culturali tra Cina e Italia.

L’accordo effettivo sarà firmato nei prossimi giorni in occasione dell’annuale conferenza internazionale degli Istituti Confucio che si svolgerà in Cina a metà dicembre.

Cs n. 169/2016


Questa pagina è stata aggiornata il 25/11/2016