Un convegno, una mostra e lo spettacolo di Moni Ovadia per celebrare la Giornata della Memoria

22/01/2016. Venerdì 29 gennaio il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Macerata organizza “Memoria della Shoah e responsabilità presente”, articolato in tre momenti.

In occasione delle celebrazioni per il Giorno della Memoria, venerdì 29 gennaio 2016 il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Macerata organizza “Memoria della Shoah e responsabilità presente”, articolato in tre momenti. Dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19 in Aula Magna (Piaggia dell’Università 2) si terrà un convegno, che prevede l’apporto intellettuale di personalità e studiosi di spicco, la presentazione del volume di Giorgio Giannini “Vittime dimenticate. Lo sterminio dei disabili, dei Rom, degli omosessuali e dei testimoni di Geova” e la testimonianza della famiglia di Quirino e Sperandia Stortini, riconosciuti da Yad Vashem “Giusti tra le Nazioni”. Alle 12.15 nella sede del Dipartimento di Studi Umanistici in corso Garibaldi, 20, sarà inaugurata la mostra “Ritorno alla vita, liberati ma non liberi”. La sera alle 21 al Teatro Lauro Rossi si terrà, infine, lo spettacolo a ingresso libero di Moni Ovadia “Senza confini. Ebrei e Zingari”. La responsabilità scientifica e organizzativa è del prof. Roberto Mancini e della prof.ssa Clara Ferranti. Tutte e tre le iniziative sono indirizzate alla cittadinanza e la Mostra in particolare, che verrà esposta fino al 30 aprile 2016, alle Scuole secondarie di primo e secondo grado.

L’evento è organizzato in linea con le finalità intese dalla Presidenza del Consiglio Regionale delle Marche nel farsi promotrice e coordinatrice delle iniziative che si terranno sul territorio regionale per la celebrazione del Giorno della Memoria e in accordo con l’azione di adozione e sostegno di “un’iniziativa per area vasta provinciale che si distingua per qualità dei temi trattati e dei relatori”, attraverso il patrocinio e la compartecipazione economica da parte del Consiglio Regionale delle Marche. Esso gode anche del sostegno del Comune di Macerata e del patrocinio della Rete Universitaria per il Giorno della Memoria.

Il Coordinamento promosso dalla Presidenza ha visto la collaborazione di un gruppo di lavoro, formalmente costituitosi su invito della Presidenza il 26 ottobre 2015 e insediatosi il 10 novembre 2015, composto da: Daniele Salvi e Giorgio Marchetti, per il Gabinetto del Presidente del Consiglio; Gianna Prapotnich, per il Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale; Manfredo Coen, Presidente della Comunità Ebraica di Ancona, accompagnato da Chiara Censi; Barbara Montesi, per il Direttore dell'Istituto Storia Marche; Leonardo Animali, Coordinatore Regionale Anpi; Clara Ferranti, per il Presidente della Rete Universitaria per il Giorno della Memoria.

Nel dare un degno risalto al valore della Memoria della Shoah e della Memoria dei Giusti tra le Nazioni, i tre momenti dell’evento organizzato dall’Ateneo maceratese sono mirati all’educazione dei cittadini, soprattutto dei giovani, verso il rifiuto di ogni forma di sopruso e di discriminazione nei confronti di ogni popolo, cultura, etnia e religione, nella ferma convinzione che è primariamente attraverso la trasmissione del sapere, della conoscenza e di valori positivi, da un lato, e lo sviluppo di una cultura del pluralismo e di un sentimento sempre più diffuso di cura, attenzione e tutela dei diritti umani e civili, dall’altro, che viene resa possibile la costruzione di una civiltà fondata sulla pacifica convivenza fra popoli e, al contempo, lo scardinamento di mentalità razziste, antisemite e negazioniste.

Il programma dettagliato è reperibile online nel sito dell’Ateneo www.unimc.it. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi a: Clara Ferranti, ferranticlara@gmail.com; o Roberto Mancini, roberto.mancini@unimc.it.

Cs. n. 003/2016

Questa pagina è stata aggiornata il 27/01/2016