Convegno Europa-Cina sull’etica biomedica

10/05/2016. Mercoledì 11 maggio alle 9 nell’Aula Magna dell’Università di Macerata. Parteciperanno alcuni tra i più autorevoli studiosi nel campo.

Mercoledì 11 maggio alle 9 nell’Aula Magna dell’Università di Macerata si terrà il convegno internazionale “Biomedical Ethics, Public Policy and Individual Choice: Comparing Europe and China”, promosso nell’ambito del progetto Chetch – China and Europe Taking Care of Healthcare solutions – relativo alle attività di cura e assistenza tra Europa e Cina, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Settimo Programma Quadro, Marie Curie Actions. Obiettivo dell’iniziativa è quella di approfondire alcune delle principali questioni di etica biomedica attraverso una prospettiva comparata e un confronto interculturale, a partire dalla possibile interazione di medicina occidentale e medicina tradizionale cinese.

La sessione del mattino si interrogherà sulla dimensione pubblica della bioetica e discuterà, in particolare, il ruolo delle politiche pubbliche e dei comitati (bio)etici nella promozione del diritto alla salute, inteso come sfera fondamentale di giustizia sociale; la sessione del pomeriggio sarà incentrata sulla dimensione individuale della bioetica e metterà a fuoco, in particolare, il rapporto tra autonomia, scelta individuale e responsabilità pubbliche, anche con riferimento a casi concreti.

Al convegno parteciperanno alcuni tra i più autorevoli studiosi nel campo dell’etica biomedica in Europa e Cina, tra i quali Zhai Xiaomei, direttrice del centro di bioetica dell’accademia cinese di scienze mediche, Wu Jing, membro esecutivo del comitato etico della federazione mondiale di medicina cinese; Monica Toraldo di Francia, membro del Comitato Nazionale per la Bioetica. Tra i relatori anche Rosi Braidotti, tra le più influenti filosofe contemporanee, che terrà una relazione sulle sfide aperte dal post-umano alle questioni bioetiche.

Cs. n. 060/2016

Questa pagina è stata aggiornata il 17/06/2016