A Unimc un convegno sulla violenza contro le donne come paradigma

09/05/2016. “Violence Against Women As A Paradigm. Profili comunicativi, politici e giuridici”

La violenza sulle donne in quanto donne è una problematica sempre più attuale, che richiede un approccio multidisciplinare per contrastare una cultura basata su modelli tradizionali. Questo il tema del convegno conclusivo del progetto di ricerca d’Ateneo “Violence against women as a paradigm”, coordinato da Natascia Mattucci, in programma per martedì 10 maggio 2016, con inizio dei lavori alle ore 9.30 nell'Aula Magna dell’Università di Macerata.

Il progetto, che si è sviluppato nell’arco di un anno, ha previsto la somministrazione in forma anonima di un questionario sulla percezione della violenza, in particolare quella sulle donne, a 369 studenti degli Istituti di istruzione secondaria superiore della provincia di Macerata di età compresa fra i 13 e i 20 anni.

“La ricerca ha indagato il rapporto tra violenza contro le donne e linguaggio sessista, stereotipi, violenza linguistica – ha dichiarato la coordinatrice – Oltre all’indagine nelle scuole maceratesi il progetto è stato articolato in una International Summer School su Gender Violence, un corso di alta formazione "Donne, politica istituzioni", e un ciclo di seminari su "Corpo, linguaggio,violenza””.

Nella giornata di domani, dopo i saluti di Francesco Adornato, direttore del Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali, ad introdurre il tema sarà la professoressa Mattucci che svolgerà anche una relazione su “Il problema senza nome: tra disordine patriarcale e analfabetismo emotivo”. Seguiranno gli interventi di Barbara Pojaghi, Ines Corti, Maria Virgilio, Alessandra Fermani, Lucia D’Ambrosi, Valentina Polci, Armando Francesconi e Irene Arbusti.

Cs. n. 059/2016

Questa pagina è stata aggiornata il 17/06/2016