Unimc - Cina, progetto college a Villa Lauri

28/04/2015. Una delegazione della Normal University ha visitato l'edificio. Il rettore Lacchè: "Collaborazione strategica per il territorio. Altissimo l'interesse dei partner cinesi ". Intanto è allo studio una doppia laurea in didattica del cinese
•	Foto di gruppo con, al centro, il rettore Luigi Lacchè

• Foto di gruppo con, al centro, il rettore Luigi Lacchè

L'Università di Macerata segna nuovi importanti sviluppi sul fronte della collaborazione con la Cina. Una delegazione dell'Università Normale di Pechino – composta, tra gli altri, da Xiao Kai, direttore dell’Ufficio Istituti Confucio, e Zhu Ruiping, preside della Facoltà di Lingua e cultura cinese - ha incontrato ieri mattina il rettore dell'Università di Macerata Luigi Lacchè, i direttori dell'Istituto Confucio di Macerata Giorgio Trentin e Yan Chunyou, la direttrice del China Center Francesca Spigarelli e il direttore generale Mauro Giustozzi. Dopo la riunione, gli ospiti cinesi sono stati poi accompagnati in visita a Villa Lauri, rimanendo favorevolmente impressionati dalla struttura.

Allo studio tra i due atenei c'è, infatti, un corso di laurea magistrale a doppio titolo in didattica del cinese, ad alto contenuto professionalizzante. La sede del corso potrebbe essere proprio lo storico edificio maceratese, che potrebbe diventare ospitare stabilmente un college della Normal University. Qui, oltre al corso di laurea, potrebbero svolgersi anche i Tfa (tirocini formativi attivi) regionali per conseguire l'abilitazione all'insegnamento del cinese o, nel caso in cui questi corsi fossero annullati a livello ministeriale, si potrebbe pensare a un potenziamento del corso di laurea di Unimc, che potrebbe diventare anche abilitante e potrebbe contare su un corpo docenti alimentato dalla Normal stessa, che è il primo ateneo in Cina per la formazione degli insegnanti.

La delegazione ha prospettato anche la possibilità di chiedere finanziamenti a grandi imprese cinesi già presenti in Italia, che in questo modo potrebbero contare su personale laureato formato secondo le esigenze di mercato.

Vista l'ottima esperienza registrata in questi anni, inoltre, per l'Istituto Confucio attivato dai due atenei sarà avanzata la richiesta di riconoscimento come "Istituto Confucio Modello": un nuovo status più avanzato che permetterebbe di ottenere ulteriori forme di finanziamento, con ricadute anche sul progetto di Villa Lauri.

"La collaborazione con la Cina attraverso il campo della formazione è strategica per lo sviluppo non solo dell'Università, ma di tutto il territorio – commenta il rettore Lacchè -. L'interesse dei partner cinesi è altissimo e per Macerata costituirebbe una svolta, che dovrà compiersi nel segno di Padre Matteo Ricci".

Cs n. 043/2015

Questa pagina è stata aggiornata il 04/05/2015