Unimc a Expo 2015 presenta il progetto di ricerca su agricoltura urbana, educazione alimentare e design

17/07/2015. L’architetto internazionale Italo Rota aprirà la tavola rotonda che si terrà lunedì 20 luglio allo Showroom Elica. In mostra, prototipi di cucina a misura di bambino

Dal lavoro congiunto di Università di Macerata, Università della Repubblica di San Marino,  Università Iuav di Venezia - corso di laurea in Disegno industriale - e Lube Industries, nasce il progetto di ricerca applicata e interdisciplinare sul food design, sul cibo e sull’agricoltura urbana che sarà presentato la prossima settimana in occasione dell’Expo. In collaborazione con l’Ordine dei Dottori agronomi e dei Dottori forestali di Milano, l’Ateneo maceratese ha infatti organizzato nel capoluogo Lombardo una tavola rotonda sul tema: “La cucina della meraviglia. Agricoltura urbana, educazione alimentare, design” con “Assaggi di parole” a cura di Francesca Chiusaroli, lunedì 20 luglio, dalle ore 14 alle 19 nello Showroom Elica “Fuori Expo Marche” (via Pontaccio 8, Milano Brera).

Sarà l’occasione per presentare i risultati di uno studio avviato nel 2013 e che si concluderà nel 2016 nell’ambito di un dottorato Eureka del corso in Scienze giuridiche, curriculum in Diritto agrario, di cui è responsabile il professore Francesco Adornato e dottoranda Federica Ciavattini, dottorato svolto all’interno della Lube. “E’ un progetto fortemente interdisciplinare, che declina i saperi umanistici propri del nostro ateneo sulle esigenze espresse dall’economia e dalla società”, è stato il commento del rettore Luigi Lacchè durante la presentazione dell’iniziativa.

La ricerca è volta ad analizzare il contributo del design e dell'agricoltura urbana ai nuovi modi di progettazione, utilizzo e relazione con l’ambiente cucina e le sue componenti.

Nello specifico, nella prima parte del convegno milanese, introdotto dal rettore Luigi Lacchè e dall’architetto e designer di fama internazionale Italo Rota, direttore scientifico della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, si parlerà della contaminazione tra educazione e gioco nella progettazione della cucina. Interverranno anche Gabriele Neri dell’Accademia di architettura di Mendrisio, Carla Danani, Anna Ascenzi e Federica Ciavattini di Unimc, Riccardo Varini dell’Università di San Marino e Vittorio Salmoni, membro della cabina di regia del Distretto Culturale Evoluto AMAMI. La seconda sessione, introdotta da Francesco Adornato, direttore del Dipartimento di Scienze politiche di Unimc, affronterà il tema dell’agricoltura in città, in particolare della coltivazione di spazi collettivi, con Giusi Rabotti, dottore agronomo, Alessandra Bosco dell’Università di San Marino, Alessio Cavicchi di Playmarche, Marco Menghini, presidente dell'Ordine Regionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, Lando Siliquini, cofondatore del Laboratorio Piceno della Dieta mediterranea, e Alberto Monachesi,  responsabile Relazioni & Sviluppo del Festival Tipicità.

Per l’occasione, saranno esposti prototipi della Cucina della Meraviglia realizzati nel corso di Design dell’UniRSM-IUAV alla Lube Industries e già protagonisti alla Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, Fundamentals e alla Triennale di Milano. Le “cucine delle meraviglie”, come ha spiegato il prof. Adornato, sono dedicate esclusivamente ai bambini e sono progettate sia per uso privato sia come cucine collettive per le scuole e per altri spazi pubblici. Ciascuno dei prototipi racconta una storia diversa, un diverso modo di insegnare, attraverso il gioco, l’intero ciclo degli alimenti, dal seme al raccolto, alla conservazione, al consumo e perfino al riciclo. Alcuni prototipi sono stati realizzati dalla Lube Industries.

Il progetto conta su un vasto partenariato che comprende anche Tipicità, il Museo della Scuola “Paolo e Ornella Ricca”, PlayMarche Srl e Laboratorio Piceno della Dieta Mediterranea.

Cs n. 072/2015

Questa pagina è stata aggiornata il 04/09/2015