Il Dipartimento che guarda al futuro: il nuovo corso in Comunicazione e culture digitali

31/07/2015. “Si tratta di un corso specialistico nella comunicazione digitale, con insegnamenti innovativi e pertinenti alle trasformazioni sociali e tecnologiche in atto”, spiega il direttore del Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali Francesco Adornato.

ATENEO AL MICROSCOPIO / VIAGGIO NEI DIPARTIMENTI

Il futuro parte da qui” è lo slogan scelto dal Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali dell’Università di Macerata, sesta in Italia su 37 atenei censiti dalle classifiche Censis 2015-2016 nell’area disciplinare socio-politica.

E proprio al futuro guarda la nuovissima laurea magistrale in Comunicazione e culture digitali attivata quest’anno.

“Si tratta – spiega il direttore del Dipartimento Francesco Adornato – di un corso specialistico sulla comunicazione digitale, con insegnamenti innovativi e pertinenti alle trasformazioni sociali e tecnologiche in atto, come, ad esempio, il diritto pubblico di internet, la comunicazione di marketing e i social media, la letteratura digitale, l’etica dei media, la comunicazione pubblica e l’open government, l’economia della comunicazione e l’agenda digitale europea ed italiana. Nel quadro di una offerta sistemica, il corso si collega a percorsi post lauream che l’Ateneo da anni ha avviato, attraverso i quali rendere ancor più concreto l’ingresso nel mondo del lavoro”. I laureati in Comunicazione e culture digitali acquisiscono competenze adeguate alle professioni emergenti nel campo dell’informazione e della comunicazione, delle industrie culturali, editoriali, pubblicitarie, creative e delle imprese integrate al settore dell’ICT.

“Oltre all’innovazione, siamo sempre molto attenti all’internazionalizzazione – prosegue Adornato -. Anche quest’anno partirà il corso di laurea magistrale in International politics and economic relations, che è stato il primo in inglese attivato dall’Ateneo e che richiama studenti da tutti i continenti, creando un ambiente di studio cosmopolita. Oltretutto, il corso offre la possibilità di accedere a percorsi a doppio titolo e di conseguire una laurea straniera, oltre a quella italiana, con le più prestigiose università di Mosca e Kiev”.

“Non meno importanti – conclude il direttore – sono i rapporti con il mondo delle imprese, le istituzioni e le formazioni sociali: anche qui il Dipartimento gioca un ruolo strategico per le risposte date in termini di innovazione, cultura e formazione. Abbiamo tutte le carte in regola per trasformare il sapere in lavoro”.

Cs n. 081/2015

Questa pagina è stata aggiornata il 03/09/2015