Urbs Salvia in 3D

Cs n. 070 di venerdì 20.06.2014 / Partita la nuova campagna scavi di Unimc nella città romana. Coinvolti venti ragazzi tra studenti e laureati. Tecniche innovative per la valorizzazione del sito storico
Unimc al lavoro

Unimc al lavoro

È iniziata in questi giorni la campagna scavi dell’Università di Macerata a Urbs Salvia, sotto la direzione del professor Roberto Perna, sulla base di una concessione della Soprintendenza archeologica delle Marche e del Ministero dei Beni Culturali. Allo scavo, che da anni contribuisce a formare gli archeologi dell'Ateneo, partecipano più di venti giovani tra studenti, laureandi e laureati in materie archeologiche insieme a ricercatori e tecnici di Unimc e ad archeologi della Soprintendenza.

Obiettivo principale di queste nuove indagini è quello di approfondire le conoscenze sulla fasi di vita più remote della città romana, che risulta essere una delle più antiche delle Marche, secondo gli ultimi studi.

Le attività più strettamente scientifiche saranno sostenute da un finanziamento del Ministero dei Beni culturali, ottenuto grazie a un progetto presentato dal Comune di Urbisaglia, e dalla collaborazione con la Regione Marche e con l’Associazione Museale della provincia di Macerata.

Si lavorerà, inoltre, alla conservazione e alla valorizzazione del sito storico. Si procederà, infatti, al restauro del cosiddetto edificio repubblicano, il cui scavo si è concluso nel 2012 e che rappresenta una delle più significative e antiche testimonianze monumentali di età romana nel nostro territorio. Verrà, quindi, realizzato un innovativo esempio di lettura, attraverso ricostruzioni 3d dei monumenti romani della città e, per la prima volta, anche del territorio centuriato, del quale è stato ricostruito un plastico virtuale in età romana.

Si tratta solo del primo impegno della missione maceratese, che a luglio sarà impegnata negli scavi condotti dal 2005 in Albania e, in agosto, insieme ad altri sette atenei italiani, in quelli coordinati dalla Scuola Archeologica Italiana di Atene a Gortina di Creta.

Questa pagina è stata aggiornata il 20/06/2014