Le prime diplomate della Scuola dei talenti

27/06/2014. Hanno ottenuto il massimo dei voti le prime due diplomate della Scuola di studi superiori "Giacomo Leopardi"
Lucrezia Lorenzini, Angelo Ventrone, Lucia Mariani

Lucrezia Lorenzini, Angelo Ventrone, Lucia Mariani

Sono le prime due diplomate della Scuola di studi superiori "Giacomo Leopardi", il prestigioso corso di studi di eccellenza dell'Università di Macerata inaugurato cinque anni fa:  Lucia Mariani, ventiquattro anni, di Ancona, e Lucrezia Lorenzini, venticinque anni, di San Severino, hanno raggiunto il traguardo con il massimo dei voti.

Entrambe si erano laureate con lode a luglio dello scorso anno, Lucia in lettere classiche con la tesi "Anonomastos onomastos: un percorso diacronico sui nomi di dio", relatore il prof. Claudio Micaelli; Lucrezia in giurisprudenza con la tesi di diritto costituzionale "L’opinione dissenziente:profili costituzionali e aspetti problematici" insieme al prof. Filippo Benelli.

Giovedì scorso, 26 giugno, le due ragazze hanno fatto il bis raggiungendo la lode anche per il diploma della Scuola, diretta dal prof. Angelo Ventrone, l'una con la tesi "Tra mito e realtà: il sacrificio nell’antica Grecia" discussa con il prof. Ugo Fabietti dell’Università Milano Bicocca, l'altra con "Diritti “sotto stress”: internet e diritti all’oblio" sempre con il prof. Benelli.

"Il momento della proclamazione – commenta Lucia Mariani - è stato molto bello e unico: mi sono scoperta piena di gioia e gratitudine per il percorso fatto in questi anni. Condividere questo traguardo con i miei genitori, gli amici e colleghi lì presenti è stato fondamentale. La Scuola è stata per me un luogo di crescita, umana e culturale. I principi cardine della Scuola hanno permesso un accrescimento della mia formazione e un ampliamento dei miei orizzonti: l'interdisciplinarietà, per cui ho studiato argomenti che non avrei mai toccato nel mio "semplice" percorso curricolare universitario; l'internazionalizzazione, per cui sono molto contenta e grata delle due esperienze svolte all'estero (entrambe a Leuven, in Belgio). Rifarei la scelta di tentare l'esame di ammissione alla Scuola e auguro ai miei colleghi, attuali e futuri, di poter percorrere e concludere il loro percorso di studi riscontrando che la fatica e i sacrifici non sono ostacolo ma, anzi, possibilità di godere ancora di più delle mete raggiunte. Ringrazio, infine, l'Università di Macerata per avermi dato questa occasione e, una ad una, tutte le persone con cui ho condiviso e vissuto questo percorso: dal direttore ai tutor e ai docenti, dal personale della segreteria agli amici e compagni della Scuola".

"L'emozione è stata tanta – racconta Lucrezia Lorenzini - la soddisfazione anche. Siamo state tra le prime a entrare nella Scuola cinque anni fa e ora le prime due ad uscire. Ci abbiamo creduto tanto sin dall'inizio e non è stato tutto così facile nell'arco di questi anni. Ho ripensato in pochi secondi a tutto il percorso fatto, alle persone che mi hanno accompagnato in questo percorso e vederle tutte lì al momento della proclamazione è stato davvero bello.

La Scuola e gli insegnanti ci hanno permesso di crescere tantissimo, di confrontarci con tematiche diversissime tra loro che hanno arricchito il nostro bagaglio culturale. La Scuola ci ha spinto a raggiungere traguardi, che forse non avremmo avuto l'ambizione di perseguire da sole, e ci ha offerto l'opportunità di fare esperienze anche a livello internazionale. Ora ci piacerebbe che, anche a livello di opportunità post-laurea, la Scuola possa fare da apripista a nuovi scenari e aiutarci ad essere "competitivi" nel mondo del lavoro e dell'Università. Per il resto, non pensiamo mica di essere arrivate, anzi, il bello viene proprio adesso!".

Cs n. 074

Questa pagina è stata aggiornata il 19/11/2014