Giuliano Amato a Unimc, "Ecco come funziona la Corte costituzionale

Cs n. 041/2014 di lunedì 28.04.2014 / Oggi, nell'Aula Magna dell'Ateneo, una platea di quasi duecento persone, tra studenti e non, ha applaudito il giurista. Lacchè, "Un'occasione davvero importante. Non sempre i giudici costituzionali parlano del proprio mestiere"
Giuliano Amato con la moglie insieme al rettore Luigi Lacchè, alla prof.ssa Barbisan e al prof. Francesco Adornato

Giuliano Amato con la moglie insieme al rettore Luigi Lacchè, alla prof.ssa Barbisan e al prof. Francesco Adornato

"Portarmi alla mia età a stare due giorni consecutivi in un posto è un'impresa". Così Giuliano Amato - giudice costituzionale, già presidente del Consiglio dei Ministri e vicepresidente della Convenzione per la costituzione europea – ha salutato i quasi duecento presenti tra studenti e non venuti ad assistere alla prima delle tre lezioni che terrà oggi e domani all'Università di Macerata. "Facendo, da giovane per 7-8 anni, il mestiere di docente incaricato – ha proseguito -, ho sviluppato una sorta di allergia agli alberghi. Per questo, anche se vado da per tutto, cerco sempre di rientrare a casa in giornata. Ci è voluta tutta la tenacia della professoressa Barbisan per farmi cambiare idea".

Il giurista è stato chiamato a tenere la terza edizione delle Alberico Gentili Lectures sul tema "Come lavora la Corte costituzionale e come interagisce con le Corti europee", il 29 e 30 aprile in Aula Magna. Alle Alberico Gentili Lectures la casa editrice Il Mulino ha dedicato una specifica collana, di cui è in uscita in questi giorni il primo volume con l'intervento del giudice della corte costituzionale americana Guido Calabresi.

La due giorni è stata organizzata dall'Ateneo con il contributo del Centro Studi Gentiliani e dello Studio Lucchetti e la collaborazione del Centro Studi costituzionali.

"Avere qui Giuliano Amato – ha commentato il rettore Luigi Lacchè – è un'occasione davvero importante, soprattutto per i nostri studenti. Non sempre i giudici costituzionali parlano pubblicamente del proprio mestiere, invece Amato ha colto questa sfida per parlare di un organismo percepito dall'opinione pubblica come qualcosa di un po' misterioso. Giuliano Amato è prima di tutto un professore, uno studioso di diritto costituzionale comparato, che ha dedicato i suoi primi lavori al tema della libertà personale".

Introdotto dalla professoressa Benedetta Barbisan, che ne ha ricostruito la carriera professionale, e salutato dal direttore del Dipartimento di Scienze politiche, Francesco Adornato, Amato ha trattato argomenti come il lavoro della Corte, il diritto all’anonimato della madre naturale fra le Corti di Roma e di Strasburgo, i diritti dell’imputato contumace.

Dopo le due lezioni odierne, si prosegue domani: la professoressa Barbisan, come da tradizione per le Alberico Gentili Lectures, intervisterà Amato sulla sua vita e carriera accademica e professionale.

Giuliano Amato rappresenta uno dei principali protagonisti italiani delle vicende politiche europee, uno dei migliori costituzionalisti italiani dagli anni Settanta a oggi. Tiene seminari alla Scuola di Legge della Columbia University e della New York University e, dal 2009, all'Università Luiss di Roma. E' anche uno dei pochissimi professori italiani ad essere stato eletto alla American Academy of Arts and Sciences.

FOTO

Questa pagina è stata aggiornata il 07/05/2014