Trasformare la cultura in gioco con le nuove tecnologie

L'Università di Macerata, insieme a 51 tra aziende e enti, presenta un progetto innovativo per creare nuove forme comunicative del patrimonio culturale e sviluppo economico

L'Università di Macerata, insieme a 51 tra aziende e enti, ha presentato un progetto innovativo nell’ambito del bando regionale sul Distretto culturale evoluto. Nasce un laboratorio per sviluppare e sperimentare forme nuove di comunicazione e di valorizzazione dei beni culturali del territorio. Tra i sostenitori, anche la Fondazione Symbola, che ha deciso di presentare, giovedì 4 luglio alle 9.30, proprio nell'Ateneo maceratese, il più importante studio sull’economia della cultura realizzato insieme a Unioncamere, il Rapporto 2013 sulle Industrie culturali.

“PlayMarche: un Distretto regionale dei beni culturali 2.0”, questo il titolo del progetto, mira a sviluppare il settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione – Ict – applicate alla divulgazione e valorizzazione di beni e valori culturali, materiali e immateriali, del nostro territorio, attraverso il linguaggio del gioco. L'intento è quello di sviluppare una filiera specializzata del gioco e dell’edutainment culturale, assumendo, come primo ambito “sperimentale” di applicazione, due luoghi distintivi del territorio: Sferisterio e Casa Leopardi. Si prevede di realizzare anche singoli interventi diffusi sul territorio, come all’Abbadia di Fiastra.

Il grande numero di partner coinvolti garantirà la sostenibilità economica per cinque anni. Il progetto vivrà, successivamente, in modo autonomo grazie alla creazione di una filiera produttiva. Parteciperanno, in tutto, 21 enti pubblici e 30 aziende e associazioni private, anche di altre regioni, alcuni operanti a livello nazionale e internazionale. Tutti i 52 partecipanti saranno protagonisti attivi, sulla base delle competenze e delle risorse - umane, finanziarie e strumentali - possedute, anche grazie alla creazione di un’impresa spin off, che sarà responsabile della direzione di un partenariato così ampio. In fase di realizzazione, potranno essere coinvolti anche altri soggetti – 70 in tutto manifestato il proprio interesse - per la realizzazione di un sistema coeso di sviluppo locale, che interesserà un articolato sistema di imprese: servizi per indagini architettoniche ed archeologiche, web, Web GIS e pianificazione, Cad) Entertainment, Edutainment, gestione dei Beni culturali.

I partner pubblici: Accademia di Belle Arti, Camera di Commercio di Macerata, Comuni di Loro Piceno, Gualdo, Macerata, Montelupone, Pievebovigliana, Porto Recanati, Recanati, San Ginesio, San Severino Marche, Sant'Angelo in Pontano, Serrapetrona, Serravalle del Chienti, Urbisaglia e Visso; Museo Scientifico dell'Università di Camerino; Provincia di Macerata, Associazione Museale Provincia di Macerata, Associazione Arena Sferisterio, Form.

I Partner privati: Abaco Soc. Coop., Accademia Georgica, Adam Accademia delle Arti Macerata, Associazione Musicultura, Casa Leopardi, Centro Nazionale Studi Leopardiani, Centro Studi Gentiliani, Centro Studi Romulo Murri, Cristina Pongetti società individuale, Confartigianato, DigiTales neo start up, Casa editrice Eli, Ett, Fbt Elettronica, Feronia Soc. Coop, Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata, Fondazione Giustiniani Bandini, Fondazione Marche Cinema Multimedia, Fondazione Symbola, Gallo Pomi srl, GeoInformatiX, Legambiente Marche, Marche è Cultura, Net cubo informatica, Integra Gestione sistemi per la cultura, Rainbow, Studio Helix Associati, Studio il Segno, Tecnomarche, Jef Knowledge Applications.

L'Università di Macerata, insieme a 51 tra aziende e enti, ha presentato un progetto innovativo nell’ambito del bando regionale sul Distretto culturale evoluto. Nasce un laboratorio per sviluppare e sperimentare forme nuove di comunicazione e di valorizzazione dei beni culturali del territorio. Tra i sostenitori, anche la Fondazione Symbola, che ha deciso di presentare, giovedì 4 luglio alle 9.30, proprio nell'Ateneo maceratese, il più importante studio sull’economia della cultura realizzato insieme a Unioncamere, il Rapporto 2013 sulle Industrie culturali.

“PlayMarche: un Distretto regionale dei beni culturali 2.0”, questo il titolo del progetto, mira a sviluppare il settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione – Ict – applicate alla divulgazione e valorizzazione di beni e valori culturali, materiali e immateriali, del nostro territorio, attraverso il linguaggio del gioco. L'intento è quello di sviluppare una filiera specializzata del gioco e dell’edutainment culturale, assumendo, come primo ambito “sperimentale” di applicazione, due luoghi distintivi del territorio: Sferisterio e Casa Leopardi. Si prevede di realizzare anche singoli interventi diffusi sul territorio, come all’Abbadia di Fiastra.

Il grande numero di partner coinvolti garantirà la sostenibilità economica per cinque anni. Il progetto vivrà, successivamente, in modo autonomo grazie alla creazione di una filiera produttiva. Parteciperanno, in tutto, 21 enti pubblici e 30 aziende e associazioni private, anche di altre regioni, alcuni operanti a livello nazionale e internazionale. Tutti i 52 partecipanti saranno protagonisti attivi, sulla base delle competenze e delle risorse - umane, finanziarie e strumentali - possedute, anche grazie alla creazione di un’impresa spin off, che sarà responsabile della direzione di un partenariato così ampio. In fase di realizzazione, potranno essere coinvolti anche altri soggetti – 70 in tutto manifestato il proprio interesse - per la realizzazione di un sistema coeso di sviluppo locale, che interesserà un articolato sistema di imprese: servizi per indagini architettoniche ed archeologiche, web, Web GIS e pianificazione, Cad) Entertainment, Edutainment, gestione dei Beni culturali.

I partner pubblici: Accademia di Belle Arti, Camera di Commercio di Macerata, Comuni di Loro Piceno, Gualdo, Macerata, Montelupone, Pievebovigliana, Porto Recanati, Recanati, San Ginesio, San Severino Marche, Sant'Angelo in Pontano, Serrapetrona, Serravalle del Chienti, Urbisaglia e Visso; Museo Scientifico dell'Università di Camerino; Provincia di Macerata, Associazione Museale Provincia di Macerata, Associazione Arena Sferisterio, Form.

I Partner privati: Abaco Soc. Coop., Accademia Georgica, Adam Accademia delle Arti Macerata, Associazione Musicultura, Casa Leopardi, Centro Nazionale Studi Leopardiani, Centro Studi Gentiliani, Centro Studi Romulo Murri, Cristina Pongetti società individuale, Confartigianato, DigiTales neo start up, Casa editrice Eli, Ett, Fbt Elettronica, Feronia Soc. Coop, Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata, Fondazione Giustiniani Bandini, Fondazione Marche Cinema Multimedia, Fondazione Symbola, Gallo Pomi srl, GeoInformatiX, Legambiente Marche, Marche è Cultura, Net cubo informatica, Integra Gestione sistemi per la cultura, Rainbow, Studio Helix Associati, Studio il Segno, Tecnomarche, Jef Knowledge Applications.

 

Comunicato stampa n. 076/2013 di mercoledì 03 luglio 2013

Questa pagina è stata aggiornata il 19/07/2013