L'Università di Macerata conferisce la laurea honoris causa al giudice Paolo Grossi

"I miei anni maceratesi sono stati estremamente fertili" ha ricordato. Applausi anche dal presidente della Corte costituzionale Franco Gallo
Paolo Grossi laureato honoris causa

Paolo Grossi laureato honoris causa

Sono accorsi anche dagli altri Atenei italiani – Ferrara, Firenze, Siena, Perugia, L’Aquila, Bologna, Molise, Camerino, Ancona, Napoli – e internazionali – Nantes – per applaudire Paolo Grossi, giudice della Corte Costituzionale e storico del diritto, insignito oggi pomeriggio della laurea honoris causa in Studi politici e internazionali dall’Università di Macerata. Tra loro, nonostante i tanti impegni, non è voluto mancare il presidente della Corte costituzionale Franco Gallo, quinta carica dello Stato. “Un gesto di grande amicizia”, lo ha salutato Grossi. E il messaggio di auguri di Alberto Quadrio Curzio, vicepresidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei, "Desidero rallegrarmi con voi ed anche con il vostro “neo laureato” per questo riconoscimento che conferma l’altissimo livello scientifico di Paolo Grossi che ha espresso anche a livello internazionale la più insigne tradizione delle Scienze giuridiche italiane".

Un lungo e sentito applauso ha accompagnato il conferimento della laurea che “riannoda un filo mai spezzato che viene da lontano” ha commentato il rettore Luigi Lacchè, ricordando come, proprio a Macerata, l’illustre studioso ha vinto la cattedra alla Facoltà di Giurisprudenza, di cui è stato preside dal 1964 al 1966. “Sono trascorsi quasi cinquant'anni – ha proseguito Lacchè -. Tutto è cambiato, ma nulla è cambiato, se guardiamo ai valori più profondi che danno un senso alla nostra esistenza sulla terra".

La cerimonia ha riportato alla luce la dimensione accademica dell’Ateneo maceratese come trasmissione continua del sapere dagli insegnanti agli allievi, alimentata tanto dagli uni come dagli altri. Una lunga e autorevole tradizione che, ai tempi di Paolo Grossi, vedeva tanti nomi illustri tra i docenti, come Stefano Rodotà, Francesco Romano o Antonio Villani, ricordati dal rettore stesso. Allora l’Ateneo, caso unico in Italia, aveva solo la Facoltà di Giurisprudenza e circa 750 iscritti, ma si trovava alle soglie di importanti cambiamenti, grazie alle intuizioni di “un rettore umanista come Giuseppe Lavaggi – ha aggiunto Lacchè – lucido e rigoroso, che nel 1964 portò all’istituzione della Facoltà di Lettere e filosofia e prefigurò quella di Scienze politiche”.

Ugualmente sentito il ricordo di Grossi dei tempi maceratesi. “Macerata è un po’ anche mia come istituzione accademica. I cinque anni trascorsi qui sono stati per me estremamente fertili. Qui c’era una comunità di giovani giuristi da cui ho appreso molto. Ricordo i colloqui e i dialoghi fecondi che facevamo in questa aule o durante le lunghe passeggiate intorno alle mura. Un colloquio fitto con gli studenti, soprattutto con uno di essi, diventato per me un Maestro dal punto di vista intellettuale, Mario Sbriccoli, che una morte rapace ha tolto alla nostra familiarità e impedisce di essere fisicamente qui presente. Questa nostra comunità è segno di quello che abbiamo costruito insieme e rappresenta una profonda sintonia culturale che si è instaurata tra di noi”.

E’ stata l’ex Facoltà di Scienze politiche ha decidere di conferire la laurea honoris causa a Paolo Grossi. “Nel pensiero di Paolo Grossi si coglie la possibilità di accostare il diritto alla società e alla storia, facendo fluire incessantemente ciò che riguarda noi come uomini e come società, facendo fluire la vita stessa nel diritto” ha detto il direttore del Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali Francesco Adornato durante la laudatio, seguita dalla lettura del dispositivo di conferimento da parte della vicedirettrice del Dipartimento Barbara Pojaghi.

Comunicato stampa n. 068/2013 di mercoledì 12 giugno 2013

Questa pagina è stata aggiornata il 25/02/2016