Gli studenti vincitori dei giochi di italiano Unimc

Oltre 80 ragazzi della scuola media Dante Alighieri hanno partecipato alla competizioni
Una delle tre vincitrici

Una delle tre vincitrici

Sono stati premiati ufficialmente stamattina in Aula Magna gli studenti della scuola media "Dante Alighieri", vincitori dei "Giochi di italiano" organizzati per loro dal Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali dell'Università di Macerata. Alla competizione, coordinata da Andrea Raffaele Rondini, docente di letteratura italiana contemporanea, hanno preso parte, lo scorso 17 aprile, 87 ragazzi di tutte le classi seconde. La prima classificata è Giulia Strinati della 2ª H, seguita da Elisa Magnanini, sempre della 2ª H e, in terza posizione, da Elena Amanze della 2ª B.

Tutti gli studenti partecipanti sono stati, comunque, premiati con un attestato personalizzato e gadget dell’Ateneo e della scuola proprio per la preparazione, l’impegno e l’entusiasmo dimostrati. I vincitori, che hanno dimostrato un miglior utilizzo della lingua come "organismo vivo e duttile", sono stati, quindi, premiati alla presenza della professoressa Barbara Pojaghi, vicedirettrice del Dipartimento, responsabile dei corsi in Scienze della comunicazione, della dirigente scolastica Rita Emiliozzi, del prof. Rondini e della coordinatrice del progetto per la scuola, la professoressa Simonetta Simonetti.

“Siamo convinti che le nuove modalità comunicative dettate dai new media non debbano far perdere ai nostri giovani il piacere di “giocare con le parole con creatività e competenza. Giocare con le parole può essere divertente così come giocare con i numeri”, commenta la vicedirettrice del Dipartimento Barbara Pojaghi, responsabile dei corsi in Scienze della comunicazione.

Lo scopo fondamentale dei giochi, infatti, è quello di potenziare il lessico e verificare la preparazione degli alunni, senza dimenticare l’aspetto ludico, anzi, incentivandolo anche tramite altri progetti di lettura e incontro con autori affermati.

Comunicato stampa n. 057/2013 di mercoledì 29 maggio 2013

Questa pagina è stata aggiornata il 30/05/2013