Premio "Giampiero Casavecchia" al miglior laureato del Corso in Consulente del lavoro a.a. 2010-2011

L’Università di Macerata, sede di Jesi, premia il suo alunno migliore. Lunedì 1° ottobre alle ore 15 presso la Fondazione Angelo Colocci avrà luogo la consegna del premio intitolato a “Giampiero Casavecchia”, che il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Ateneo riserva al migliore laureato per l'anno accademico 2010/2011 del Corso di Laurea jesino in Consulente del lavoro,.

Il Consiglio Provinciale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Ancona ha istituito questo premio per ricordare Giampiero Casavecchia, consulente del lavoro scomparso circa un anno fa, che si è sempre distinto per la sua correttezza e per la sua serietà professionale e personale. Con questo evento si vuole celebrare anche la proficua attività didattica ed accademica presente a Jesi.

La premiazione si terrà nell’ambito di un seminario sul mercato lavoro a termine e il lavoro autonomo nella riforma Fornero. L’iniziativa conferma la proficua collaborazione fra l’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Ancona e l’Università di Macerata, instaurata con l’obiettivo di sviluppare un confronto fra cultura accademica e cultura professionale, sempre più indispensabile per formare giovani in grado di affrontare le sfide dell’attuale mercato del lavoro.

Dopo il saluti del rettore Luigi Lacchè, del Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza Ermanno Calzolaio, del presidente corso di laurea in Scienze giuridiche applicate Giorgio Galeazzi, interverranno il presidente del Consiglio provinciale dell’Ordine dei Consulenti del lavoro di Ancona  Roberto Di Iulio, il Segretario del Consiglio nazionale dei Consulenti del lavoro Sergio Giorgini, il prof. Guido Canavesi, associato di Diritto del lavoro, e Stefano Carotti dello Studio Carotti-Rodriguez.

Diventare consulenti del lavoro con la laurea in Scienze Giuridiche Applicate

La laurea in Scienze Giuridiche Applicate (L-14) attivato nella sede di Jesi – Fondazione Colocci si articola in tre indirizzi: Consulente per l’impresa, Consulente per il lavoro, Operatore giudiziario e criminologico.

Viene offerto un percorso formativo caratterizzato da una formazione generale di base negli studi giuridici, comprensiva anche di conoscenze relative alla storia, alla filosofia, al sapere economico.

Il piano di studi proposto intende coprire anche le esigenze formative della professione, in forte crescita negli ultimi anni, di Consulente del Lavoro, realizzando un canale privilegiato per l'accesso a tale professione. Sono, poi, previste conoscenze specialistiche rivolte alla conduzione dell'impresa e alla lettura in chiave economico-finanziaria della sua performance, offrendo una preparazione che permette l'interpretazione delle implicazioni giuridiche, economiche della stessa (Consulente per l’impresa). Particolare attenzione viene dedicata all'approfondimento delle conoscenze relative alle relazioni industriali, ai rapporti individuali e collettivi di lavoro, alla sicurezza sul lavoro e alla previdenza sociale.

Il percorso per Operatore giudiziario e criminologico è volto, infine, a formare soggetti inseriti, con una solida preparazione culturale e giuridica di base, nell’amministrazione giudiziaria e nelle diverse forze di polizia, nonché di operatori della mediazione nell’ambito della famiglia e dei minori, di assistenti e consulenti di studi legali e notarili, di investigatori privati.

Grazie alle avanzate tecnologie di e-learning dell'Università di Macerata, da quest'anno sarà possibile frequentare "on-line" il corso. La piattaforma informatica dell'Ateneo permetterà a chi si iscrive con modalità e-learning di usufruire di: video di presentazione dei singoli insegnamenti, del programma, dei testi di riferimento e delle eventuali esercitazioni; strumenti didattici audio/video o slide appositamente predisposti dai docenti; supporto di tutor nella preparazione degli esami e nell'apprendimento delle discipline; appuntamenti in conference call per confrontarsi direttamente con i docenti; forum on line che permettono l'interazione con gli altri studenti e i docenti.

Comunicato stampa n. 132/2012 di giovedì 27 settembre 2012

Questa pagina è stata aggiornata il 05/10/2012