Mecenati 2.0: una idea innovativa dall’Università di Macerata per il nostro Paese

Il progetto di un gruppo di studenti tra i finalisti per le Marche al concorso "La tua idea per il Paese"
Leonardo Seri

Leonardo Seri

Si chiama “Mecenati 2.0 - il contributo di ognuno per aiutare la ricerca” l'unico progetto interamente firmato da studenti universitari scelto tra le dieci idee finaliste per la regione Marche al concorso “La tua idea per il Paese”, promosso dall’Associazione ItaliaCamp, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e 60 Università italiane.

Presentato durate gli “Stati Generali del Centro Nord” ospitati dall'Università di Verona insieme alle 120 idee finaliste provenienti da tutte le regioni del centro nord coinvolte, il progetto è stato proposto da un gruppo guidato da Leonardo Seri, studente di Giurisprudenza dell’Università di Macerata (nella foto) e formato anche da Alessandro Seri, laureato in Fisica e attualmente studente del corso di laurea magistrale in Physics dell’Università di Camerino, e Paolo Roganti, laureando in Scienze della Comunicazione dell'Università di Urbino.

Il progetto prevede la creazione di una piattaforma di crowdfunding finalizzata a sostenere finanziariamente la ricerca universitaria. Le piattaforme di crowdfunding - dall’inglese crowd, folla; funding, finanziamento - sono siti web che facilitano l’incontro tra la domanda di finanziamenti da parte di chi promuove dei progetti e l’offerta di denaro da parte degli utenti. Si tratta, dunque, di sfruttare le possibilità offerte Internet e dal Web 2.0, per poter coinvolgere attivamente e in modo semplice i cittadini nel sostegno alla ricerca.

"Il brillante risultato ottenuto a livello regionale e l’apprezzamento riscontrato a Verona testimoniano come il talento e l’imprenditorialità possano germogliare ed essere coltivati anche all’interno di percorsi umanistici o non strettamente tecnici e tecnologici. "Mecenati 2.0" è una bella esperienza, che potrà stimolare futuri progetti imprenditoriali e innovativi da parte dell’Ateneo di Macerata", commenta il rettore Luigi Lacchè.

Le 10 idee “di sviluppo per il Paese” marchigiane sono emerse dalla società civile e dai quattro atenei marchigiani parter del progetto, grazie alle attività di sensibilizzazione portate avanti negli ultimi mesi dalla sede territoriale dell’Associazione. ItaliaCamp Marche ha svolto in questi mesi dieci incontri con le Università, con più di 300 persone coinvolte, oltre 80 idee progettuali e tantissimo interesse per una regione che, come recita il titolo della sessione regionale, volge “lo sguardo oltre la siepe”.

La giornata di Verona è stata ricca di interventi e spunti di riflessione. Oltre al saluto del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà e del presidente dell’Associazione ItaliaCamp Fabrizio Sammarco, vi è stata la calda partecipazione del presidente del Consiglio Mario Monti, che è intervenuto con una discussione dal titolo “La rivoluzione dello sguardo: nuovi scenari per il nostro Paese”.

Nel pomeriggio hanno preso il via le 12 sessioni di dibattito regionale all’interno delle quali sono esposte direttamente dagli ideatori le 10 idee regionali finaliste, di fronte ai rappresentanti delle aziende, delle istituzioni e agli stakeholder regionali, al fine di agevolarne la realizzazione. In particolare, hanno partecipato alla valutazione dei progetti: Sara Giannini, Assessore della Regione Marche, Lanfranco Baleggia, Presidente Brosway; Giuliano Calza, Direttore Generale Istao; Arturo Motti, Fondatore Milano Finanza; Federico Vitali, Presidente Gruppo Faam spa.

Comunicato stampa n. 182/2012 di martedì 11 dicembre 2012

Questa pagina è stata aggiornata il 11/12/2012
TAG: