Gli studenti di Unimc sono i migliori all'esame di avvocato

Promossi al primo tentativo oltre il 60% dei diplomati alla Scuola di specializzazione contro una media nazionale inferiore al 50%.

Sono i più bravi in Italia a superare l'esame di avvocato. Sono gli allievi della Scuola di specializzazione per le professioni legali delle Università di Macerata e Camerino. La percentuale di diplomati della Scuola che supera in prima battuta l'esame di avvocato è, infatti, superiore sia alla media regionale sia alla media nazionale: negli esami relativi, agli anni 2011 e 2012, la quota dei promossi ha superato il 60%, a fronte di una media inferiore al 50% sia in ambito locale che relativamente all'intera penisola.

"La Scuola – commenta il direttore Maurizio Cinelli - così come tutte le Scuole del medesimo genere, svolge un ruolo complesso. Il compito assegnato dalla legge, infatti, non è soltanto quello di addestrare alle prove di esame per avvocato o ai concorsi per uditore giudiziario o per notaio, ma anche quello di curare la formazione di chi vuole accedere a queste professioni, impegnandosi nell’importante ruolo sociale e civile che ciascuna di esse implica".

Fin dalla sua istituzione nel 2001, la Scuola si avvale della collaborazione didattica e formativa di professionisti di grande esperienza e prestigio. Per citare soltanto alcuni nomi: Andrea Proto Pisani, emerito dell'Università di Firenze, Guido Alpa, presidente del Consiglio nazionale forense, Alarico Mariani Marini, fondatore del Centro di formazione del Cnf, Michele De Luca, presidente della sezione lavoro della Corte di cassazione, Luigi De Angelis, presidente della Corte di appello di Genova, Angelina Perrino, presidente della Sezione lavoro del Tribunale di Napoli, Maurizio Converso, caporedattore del Foro italiano; a questi si aggiungono, tra i docenti, non meno prestigiosi magistrati dei circondari limitrofi, avvocati dei fori di Macerata, Camerino, Ascoli, Fermo e Ancona, e, naturalmente, docenti delle Università di Macerata e di Camerino, i quali, costituiscono da sempre l'ossatura della Scuola.

Per sviluppare ulteriormente le proprie potenzialità, la Scuola ha stipulato convenzioni con le Procure della Repubblica della Regione per stage in udienza per gli iscritti alla Scuola; con il Consiglio nazionale forense per lo svolgimento di lezioni in tema di teoria dell'argomentazione giuridica e altro; con i Consigli dei distretti notarili della provincia per lo svolgimento di cicli di lezione.

Durante l'estate, tra giugno e luglio e tra settembre e ottobre, da alcuni anni la Scuola promuove soggiorni settimanali full immersion per i propri iscritti.

Alla Scuola si accede mediante concorso annuale per titoli ed esame. Quest'anno il Ministero dell’Istruzione, dell'università e della ricerca ha fissato a 45 i posti disponibili per la Scuola di Macerata. La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata entro il 5 ottobre. Per maggiori informazioni, consultare il sito www.unimc.it.

Comunicato stampa n. 128/2012 di giovedì 20 settembre 2012

Questa pagina è stata aggiornata il 21/09/2012