Formazione, nuovo accordo tra Unimc e la Polizia stradale

26/09/2017. Previste anche agevolazioni per iscriversi all’Università. Forte interesse per il corso in “Consulente dei trasporti”.
Foto di gruppo

Foto di gruppo

Firmato l’accordo tra l’Università di Macerata e il Compartimento Polizia Stradale per la Regione Marche per favorire la formazione e l’accrescimento culturale e professionale del personale Polizia di Stato. I contenuti della convenzione sono stati presentati questa mattina dal rettore Francesco Adornato, dal questore Giancarlo Pallini e dal comandante Alessio Cesareo, dirigente del compartimento Polizia Stradale per le Marche. Presenti anche il professor Stefano Pollastrelli e il Commissario Capo Rita Padovani, quali specifici referenti dell’intesa, e il vicequestore Stefania Minervino.

Il progetto prevede agevolazioni per tutto il personale della Polizia di Stato, in servizio e in congedo, estese anche a coniugi, conviventi e figli. L’accordo è valido per tutti i corsi di laurea erogati dall’Ateneo maceratese, ma è stato pensato prioritariamente in relazione al corso di laurea triennale in Scienze giuridiche applicate erogato a Jesi in collaborazione con la Fondazione Colocci, che, dal 2015, propone un indirizzo specifico in “Consulente dei trasporti”. Questo percorso è caratterizzato da una solida preparazione di base negli studi giuridici ed economici, integrata da conoscenze specialistiche riguardanti il settore dei trasporti, della circolazione stradale, della sicurezza stradale, della navigazione in senso ampio, dell’assicurazione e del diritto doganale.

“Questo accordo rappresenta un’esperienza importante anche per gli studenti, che durante le lezioni potranno incontrarsi con i professionisti della Polizia Stradale, mettendo a confronto esperienze umane diverse”, ha commentato il rettore Francesco Adornato, mentre il questore Giancarlo Pallini ha sottolineato come “negli ultimi anni il dipartimento di pubblica sicurezza è molto attento alla formazione e questa collaborazione rappresenta un passo importante. Mi auguro ce ne siano altri”. Anche il comandante Cesareo ha sottolineato l’importanza di questa collaborazione, in particolare con il corso in consulente dei trasporti. “Intendiamo portare – ha detto – non solo la nostra esperienza sul campo, ma anche le nostre conoscenze di taglio normativo, in particolare relative agli sviluppi più recenti come quelli sull’omicidio stradale. La formazione è un tassello importante del nostro impegno per rafforzare la prevenzione e fornire informazioni complete su quanto accade nelle strade”. Si tratta di uno scambio reciproco di professionalità, dunque, come ha ribadito anche il professor Pollastrelli. “Una vita umana – ha fatto notare – viene messa a repentaglio in situazioni che possono esser evitate con la conoscenza delle norme stradali”.

Cs n. 164/2017


Questa pagina è stata aggiornata il 26/09/2017