Presentazione e finalità

L' Associazione Laureati Ateneo Maceratese, nata nel 1994, è sorta per volontà di un gruppo di laureati di diverse età e del Rettore del tempo prof. Alberto Febbrajo con lo scopo di rivitalizzare un rapporto mai interrotto.
L’Associazione, pur essendo nata dalla Facoltà di Giurisprudenza, nucleo storico dell’Università, è un punto di riferimento di tutto l’Ateneo.
Di essa possono far parte tutti i laureati dell’Università di Macerata, nonché il Rettore dell’Università, socio di diritto.
Lo spirito che ha animato i soci fondatori e che continua ad animare oggi l’Associazione è uno scopo che rimanda all’idea stessa di Università (universitas), giacché si tratta della volontà di costituire (o meglio, rinforzare) un legame tra coloro che si sono trovati a trascorrere una parte fondamentale della propria vita nell’Università di Macerata, conseguendovi il titolo di studio, ma soprattutto facendo parte della sua comunità.
L’Università non è o non dovrebbe essere, infatti, solamente un luogo ove ci si reca per apprendere nozioni, per sostenere esami e per conseguire un titolo (anche se in tal senso, purtroppo, sembra oggi sempre più caratterizzata), ma una vera e propria comunità in cui, negli anni più importanti e delicati della vita, gli anni della crescita e della formazione intellettuale e culturale, si vive, si cresce, ci si confronta, si stringono amicizie e relazioni, ci si crea una propria identità di uomini e donne.
Si tratta, se vissuta con il giusto spirito, di una esperienza fondamentale nella vita di chi vi prende parte, in cui si gettano i semi di ciò che si diverrà in futuro e si stringono rapporti che ci accompagneranno per tutta la vita.
È proprio questa dimensione “comunitaria” dell’Università che è alla base della costituzione dell’ALAM.
Una dimensione che si è forse un po’ persa negli ultimi anni, ma che crediamo vada recuperata, facendo rivivere, attraverso iniziative concrete, quell’idea di “comunità” che ha sempre animato l’istituzione universitaria.
L’ALAM ha intrapreso questa via iniziando con il gettare un ideale “ponte” tra le diverse generazioni di laureati nell’Ateneo maceratese, istituendo la Giornata del laureato, appuntamento molto desiderato in quanto vengono invitati e premiati con un diploma d’onore i laureati che compiono i 50 anni dalla laurea, i laureati che compiono i 25 anni dalla laurea e premiati i nuovi laureati che si sono distinti con una votazione di 110 e lode.
È proprio in occasione di queste giornate che si è potuto e si può cogliere lo spirito comunitario che unisce i laureati dell’Università di Macerata e sono certa che chi vi ha partecipato potrà confermare quanto stiamo dicendo.
Ma l’ALAM non vuole essere solamente un’associazione con finalità celebrative e rivolta esclusivamente al passato.
L’ALAM, nelle intenzioni di chi l’ha fondata e ne sta portando avanti l’attività, deve essere un’associazione che guarda al presente e al futuro dei laureati dell’Ateneo.
Il programma delle attività dell’Associazione mira, infatti, a promuovere l’immagine e l’inserimento nel mercato del lavoro dei laureati dell’Università di Macerata, attraverso lo sviluppo dei rapporti personali e professionali, la costituzione di un punto di contatto fra i laureati dell’Ateneo maceratese ed il mondo professionale e produttivo, nonché l’organizzazione di attività socio-culturali.
Importante in questo senso può essere l’istituzione di borse di studio, finalizzate alla ricerca e all’approfondimento di settori di particolare interesse, in favore di giovani laureati, anche con il supporto del mondo professionale e produttivo, con cui si è certi non mancherà un costruttivo dialogo.
Aspirazione dell’ALAM è proprio quella di porsi come intermediario tra l’Università, i suoi laureati e il mondo che si trova al di là della soglia dell’Università, realizzando un collegamento continuo e costante tra loro, come viene indicato nello Statuto dell’Associazione.
Si è consapevoli del fatto che si tratta di un obiettivo impegnativo e voglio precisare che nel tentare di realizzarlo l’ALAM non vuole sostituirsi a strutture già esistenti nell’Università e finalizzate all’incontro tra laureati e mondo del lavoro: l’ALAM non vuol essere un nuovo “ufficio di collocamento”, ma vuole operare soprattutto sul piano culturale, consentendo ai laureati, attraverso le iniziative che l’Associazione intende avviare, di prendere coscienza e confrontarsi sul futuro che li attende, anche attraverso l’esperienza di chi ha già intrapreso lo stesso cammino con successo.
In questa ottica, si inseriscono gli incontri con laureati illustri dell’Ateneo maceratese, tra cui i laureati honoris causa, soci onorari dell’Associazione, già organizzati e che si organizzeranno ancora in futuro.
Chiudo con l’auspicio che i giovani laureati dell’Ateneo, ai quali l’invito ad aderire all’Associazione viene rivolto in occasione del conseguimento del titolo accademico, accolgano tutti la proposta dell’ALAM e aderiscano ad essa con entusiasmo.

 

Il Presidente
Prof.ssa  Daniela Gasparrini Pianesi

Questa pagina è stata aggiornata il 10/09/2015